Intervento di Monia Zanon al convegno “Ambiente e Salute” (Arco TN, 23-25 ottobre 2015), un’iniziativa della Fondazione Museo storico del Trentino.

Come fare per creare un “campo dei miracoli”? Ecco alcuni ingredienti, estratti dal libro Progetto Anima (Anima Edizioni).

1. Ciò che ti è stato dato non è tuo: fallo girare, acquisterà nuova energia. Se abbiamo a cuore qualcosa, quando la otteniamo dobbiamo essere pronti a lasciarla andare un giorno.

2. Non avere paura di perdere qualcosa: dai sempre.

3. Ce n’è per tutti. Prima o poi passerai, non temere la mancanza.

4. Se oggi va molto bene, attrezzati per la discesa. Preparati per un nuovo cambiamento, perché la vita è movimento. Non c’è un alto senza un basso, non c’è luce senza ombra, non c’è contrazione senza rilassamento. Fai in modo di sapere dove si trova l’uscita!

5. Sei un essere infinito: resta in ascolto. Non comportarti, allora, da essere finito. Evita di pensare come una persona ristretta.

6. Non puoi piacere a tutti. Allora impari a ignorare i commenti o coloro che capiscono fischi per fiaschi. E tiri un gran sospiro di sollievo.

7. Comportati come se possedessi solo l’oggi. Fai ciò che sai che devi fare. Paga i debiti, non perdere il tempo, non elucubrare con l’ego e non dare gratuitamente se anche non ricevi.

8. Non fare agli altri ciò che non vorresti fosse fatto a te. E non  frequentare i maldicenti, che sono tossici e attirano disgrazie. Quando ti accompagni a persone che volano basso, non potrai essere visto da quelli che volano in alto.

9. Non farti giustizia da solo. Forse la giustizia umana non sempre è affidabile, ma esiste una giustizia più profonda che prima o poi agisce.

10. Ricorda sempre: sei figlio di Dio.

11. Ama il prossimo tuo come te stesso. Ma non più di te.

12. Chi ha il tuo tempo ti possiede; condividere il tempo è inevitabile, però si dia questo tempo a persone e circostanze che ci fanno stare bene. Chi ha la tua attenzione, ha la tua energia.

Commenta l'articolo tramite e-mail

Messaggio (max 2000 caratteri)Tutti i campi sono obbligatori. L'e-mail non sarà pubblicata

Commenta l'articolo tramite Facebook