Promo del videocorso digitale “Il QSE incontra le neuroscienze” di Erica F. Poli ed Emiliano Soldani, a cura di Anima Edizioni.

Videocorso-QSE-Neuroscienze-Poli-Soldani

 

Sappiamo oggi che esiste una coerenza quantistica, con una interazione caotica e non lineare tra i neuroni in grado di produrre l’emergere della coscienza.

I delicati fenomeni quantistici dell’entanglement, del salto quantico e della coerenza si esplicano nella natura vibrazionale delle proteine e del DNA e costituiscono il “corridoio” biochimico per il trasferimento di energia con un’altissima efficienza.

Questa scoperta mette in discussione sia l’idea secondo cui alcune proprietà quantistiche siano troppo “delicate” per partecipare attivamente ai processi biochimici sia un’ipotesi molto diffusa tra i ricercatori, cioè che i sistemi viventi si basino su meccanismi biochimici insensibili a proprietà quantistiche come la coerenza o l’entanglement (la correlazione che può legare a distanza diversi stati quantistici di particelle).

Fisica e neuroscienze ci conducono nelle pieghe più sottili dell’espansione di coscienza e ci offrono la spiegazione di come poter giungere alla cocreazione della realtà e alla guarigione.

*

Se da un lato rileviamo il ruolo fondamentale del suono per la strutturazione degli schemi neurali e delle geometrie frattali cellulari, dall’altro abbiamo il ruolo della parola per codificare potenziali quantici inerenti a ciò che andremo ad esperire.

Nel percorso impareremo a selezionare i potenziali futuri da portare nel presente, inerenti la possibilità reale di interagire con l’intelligenza cellulare e la rete neurale, per ripristinare uno stato ottimale di salute e rivendicare la forza creativa dell’anima, in accordo alla tecnologia interiore QSE che trova giustificazione nelle scoperte nell’ambito delle neuroscienze che avvalorano il primato della coscienza e della mente nel plasmare il corpo fisico.

Per maggiori info e acquisto clicca qui.

 

 

Commenta l'articolo tramite e-mail

Messaggio (max 2000 caratteri)Tutti i campi sono obbligatori. L'e-mail non sarà pubblicata

Commenta l'articolo tramite Facebook