Promo del videocorso “Cenerentola” di Igor Sibaldi ed edito da Anima. La fiaba dell’iniziazione sessuale e del “potere di mezzanotte”, da cui dipende l’equilibrio tra i mondi. Disponibile a questo link.

Videocorso-Cenerentola-Sibaldi

 

Certe fiabe arrivano da altre culture, antichissime. E portano soluzioni a problemi di cui la nostra epoca si è dimenticata. Noi, oggi, siamo bravi a obbedire, a invidiare, a faticare per vivere, ad accumulare sensi di colpa e fare tutto nel minor tempo possibile.

Cenerentola e altre fiabe di magia, di streghe e di eroi ragazzini, fanno scoprire che l’importante è sfidare ostacoli e capi, trovare i propri bellissimi desideri segreti e adoperare poteri che non avresti mai immaginato di avere. In più, quelle fiabe ti spiegano come riuscirci, facendoti uscire dalla mentalità attuale, e come non aver paura di vincere. Ed è proprio quello che faremo.

“Cenerentola, come le altre antiche fiabe di magia, racchiude le istruzioni per esplorare e usare poteri che la nostra civiltà ha completamente dimenticato. Poteri che sono connaturati alla nostra psiche e a nostre dimensioni più grandi della psiche – spiega Igor Sibaldi –. Sono poteri di trasformazione, di superamento dei blocchi personali, di lotta, di conquista e di affermazione delle nostre qualità migliori – quelle che vengono solitamente messe in disparte quando ci rassegniamo a essere normali, come la civiltà esigerebbe”.

Questo video-corso mostra come riscoprire quei poteri e come applicarli concretamente nella nostra vita.

*

Vuoi ricevere le novità di Anima.TV? Iscriviti alla newsletter qui: http://anima.tv/form-iscrizione-newsletter/

Vuoi aiutarci a darti di più? Scopri come sostenere il nostro progetto: http://anima.tv/redazione/2017/206-sostenere-anima-tv/

Consulta il nostro Calendario Eventi qui: https://anima.tv/eventi/

Attenzione, per i commenti rispettare la Netiquette: http://anima.tv/netiquette/

 

Commenta l'articolo tramite e-mail

Messaggio (max 2000 caratteri)Tutti i campi sono obbligatori. L'e-mail non sarà pubblicata

Commenta l'articolo tramite Facebook