Punti di Vista

Il v-blog della redazione di Anima.TV

Ci sono tanti modi di guardare alla realtà, tanti “punti di vista” e da ognuno di questi pensiamo che ci sia sempre qualcosa da imparare… Grazie di essere arrivati fino a qui e buon viaggio!

La Redazione anima.tv

Foto-Redazione-Occhi

208. IL RAGIONEVOLE DUBBIO

Alcune componenti delle vaccinazioni pediatriche possono causare dei danni al giovane organismo del neonato, come ci spiegano i protagonisti del documentario di Ambra Fedrigo intitolato “Il Ragionevole Dubbio”.

Il ragionevole dubbio è quello che nasce nel momento in cui si sottopone il proprio bambino all’atto medico della vaccinazione e ne conseguono spiacevoli conseguenze, allora viene da chiedersi: ma era davvero necessario?

Il documentario vuole essere di supporto a quelle famiglie che hanno subito un danno a causa delle vaccinazioni e a tutti quei genitori che non sono riusciti a collegare le patologie dei loro bambini con tale pratica medica, in quanto spesso viene fatta disinformazione in merito o informazione insufficiente. Il documentario vuole inoltre offrire un’ottica più amplia rispetto a quella fornita dai media in generale affinché la decisione di vaccinare o meno i propri bambini sia il più possibile frutto di una conoscenza approfondita e reale.

Il Gruppo Anima ti invita a Milano il pomeriggio del 9 aprile 2017 per offrirti la visione completa de “Il Ragionevole Dubbio” presso Palazzo Castiglioni in Corso Venezia 47. L’ingresso è completamente gratuito e aperto a tutti. Tutti i dettagli dell’evento su AnimaEventi a questo link

Saranno presenti alcuni protagonisti del documentario (tra ricercatori scientifici e persone che hanno vissuto in prima persona le conseguenze begative della vaccinazione) oltre che la stessa regista Ambra Fedrigo per discutere insieme l’argomento.

Come anteprima, vi segnaliamo questo breve estratto de Il Ragionevole Dubbio:

 

vaccini

 

Redazione Anima.TV

10/03/17
vaccini

Commenta l'articolo tramite e-mail

Messaggio (max 2000 caratteri)Tutti i campi sono obbligatori. L'e-mail non sarà pubblicata

Commenta l'articolo tramite Facebook