fbpx

Voci dall’Aldilà

Adriana Mafio, esperta di metafonia, ci parla dei suoi contatti con l’Aldilà, un luogo dove le anime disincarnate continuano il loro percorso di crescita e da cui provengono gli Spiriti Guida.

– Adriana, per molte persone l’Aldilà rappresenta un grosso mistero. Per te non è così…

Per me l’Aldilà non rappresenta affatto un mistero, nel senso che io ho quotidiani contatti con quella dimensione, sottoforma di messaggi.

– Che genere di messaggi?

Ricevo messaggi nei modi più svariati. Un modo è attraverso la musica, tramite la radio, il lettore CD ecc … durante la musica riesco a percepire le voci, come se loro usassero l’energia delle onde sonore per poter comunicare, se pur in modo telepatico.

– Si può dire quindi che la musica sia un canale?

Certo, un canale energetico.

– Hai detto “loro”. Di chi stai parlando?

Sto parlando dei Maestri dell’aldilà, delle mie Guide Spirituali che mi sono vicino e mi aiutano di continuo.

– In che modo ti aiutano?

Mi consigliano su determinate scelte riguardo la mia vita, mi sostengono emotivamente e spiritualmente. Delle volte non accetto di dover attraversare un certo problema e mi arrabbio, faccio delle domande dentro di me (“com’è possibile?”) più che altro per lamentarmi, ma loro rispondono comunque, telepaticamente.

Come accennato, per poter comunicare ed essendo privi del veicolo fisico, loro si avvalgono di supporti energetici quali le onde sonore: musica, rumori… riesco anche a registrare le voci su un nastro con un registratore, un fenomeno che è chiamato metafonia.

In pratica, la mia comunicazione con il mondo dell’Aldilà è possibile grazie a due aspetti: da una parte i miei “canali” sono aperti – cioè bisogna essere ricettivi – e dall’altra occorre che ci sia un veicolo energetico come quello fornito dalla musica o da altre simili situazioni. Ad esempio, capita di notte che io mi alzi e abbia sete, allora vado in cucina, apro il frigo e sento che parte il piccolo motore dell’elettrodomestico, e subito dopo sento nella mia mente la voce di una donna – un qualche angelo sicuramente – quindi accendo subito il registratore e so che poi vi troverò incisa la sua voce.

– Tu percepisci le voci nella tua mente, il che è un fatto soggettivo nel senso che solo tu puoi verificarlo, ma nello stesso tempo riesci ad inciderle su un nastro, e quindi chiunque può ascoltare queste registrazioni. Come è possibile?

Perché il registratore diviene un canale… se nel mentre ho vicino un’altra persona, questa non sente nulla, ma riascoltando il nastro vi troverebbe le voci. All’inizio, quando ricevevo i primi messaggi durante l’ascolto della musica, non avevo realizzato che si trattava di una comunicazione telepatica – ho avuto non poche difficoltà perché mi rivolgevo a chi stava vicino a me, convinta che sentissero anche tutti gli altri.

Poi il mio rapporto con questi messaggi dal mondo dell’Aldilà è andato intensificandosi, e oggi mi hanno aiutato a capire il disegno della mia vita e la mano del karma che l’ha caratterizzata.

– Vuoi dirci qualcosa di più in merito?

Nel mio Libro Gli angeli intorno a me, affermo che nella mia vita c’è un disegno divino legato al mio karma. Molto in breve, posso dirti che ho preso consapevolezza della mia vita precedente: ero una nobildonna che si è sposata per amore con un uomo importante, e con il quale ho avuto un figlio… ma nostro figlio morì e da quel momento io cambiai profondamente in senso negativo, provocando in lui un grande dolore. Un attimo prima che io morissi, ci ripromettemmo tuttavia che, se ci fosse stata la possibilità di rinascere, ci saremmo ritrovati. Di questa storia ho avuto anche delle conferme da parte di un’altra persona che ho incontrato sia in quella che nell’attuale vita…

Come allora, anche in questa incarnazione ho vissuto l’esperienza di perdere un figlio, ma ho reagito diversamente. Ho compreso che ho avuto l’occasione per riscattarmi… è infatti successo qualcosa di meraviglioso perché da quel dolore sono poi riemersa con più luce ed equilibrio: ho imparato a stare bene con me stessa e a basarmi su sicurezze reali. Insomma, ho fatto il mio percorso spirituale e devo dire che oggi mi vedo come una donna completamente diversa, in senso positivo..

Ho capito che gli eventi della vita sono modellati dal karma, che è molto più del dare e del ricevere, perché si tratta di affrontare gli effetti che derivano dalle cause immesse lungo il percorso…

Ma non finisce qui, oltre ad avere preso consapevolezza delle dinamiche del mio passato, conosco anche quello che è il mio futuro. Ma questa è un’altra storia…

– Hai mai più reincontrato in questa vita colui che fu il tuo amato sposo di allora?

Sì, l’ho reincontrato ma ci siamo amati per un breve periodo, per sua scelta… il che mi ha provocato una grande sofferenza. Credo che all’epoca non volesse legarsi seriamente, ma che ci fosse anche una forza più grande dentro di lui che lo spingeva ad agire in un certo modo… sto parlando del karma le cui ragioni non sono sempre conoscibili. Inoltre, se fossi rimasta con lui, probabilmente oggi non sarei la persona che sono, non avrei affrontato quanto dovevo affrontare… infatti tutto quello che poi successe negli anni a seguire, i fili che si sono mossi, sono stati qualcosa di incredibile!

– Che idea ti sei fatta dell’Aldilà e della morte?

So che quando muori rimani te stessa, con le tue emozioni e il tuo bagaglio di esperienze. Di “là” si continua a vivere su di un piano che rispecchia il proprio stato evolutivo. Una persona gretta e oscura nell’animo raggiungerà un luogo pieno di entità dello stesso livello, anche se ci sono sempre i Maestrri che indicano la via per crescere… Si permane in una dimensione che riflette il proprio stato di coscienza… un “delinquente”, una persona “cattiva” si ritroverà circondato dal male…

– Il male esiste?

Per me il male esiste e non c’è dubbio di questo; l’ho provato sulla mia pelle… So che il male può prendere possesso di te ma se tu vuoi evolvere allora vieni aiutato, la tua richiesta viene esaudita… perché alla fine sei tu stesso che decidi se rimanere in balia delle ombre o meno. Questo è il lavoro durante la vita come nell’Aldilà.

– Ma dall’Aldilà poi si torna… intendo come reincarnazione…

Arriva il momento in cui si decide che c’è la necessità di rinascere per affrontare determinate esperienze… esperienze che fondamentalmente sono programmate in quanto necessarie all’evoluzione dell’Anima. Il caso non esiste.

Un aneddoto: quando mia figlia aveva circa quattro anni e mezzo, da come mi raccontò, si ricordava che, prima di nascere, mi aveva visto al mare, dall’alto… e mi descrisse una scena che effettivamente si era verificata. E’ stata lei a scegliere me. Mi disse, poi, che nell’Aldilà ci sono dei maestri e delle scuole che insegnano le “tecniche della rinascita”…

– Hai mai ricevuto dei messaggi per altre persone?

Accadeva che i primi tempi comunicavo con i defunti in genere, però negli ultimi anni mi relaziono solo con i miei Spiriti Guida. Il fatto è che colui che riceve i messaggi deve essere aperto di cuore in prima persona, e le sue azioni devono essere mosse dall’amore. Una persona spinta da interessi di altro tipo non può ricevere i messaggi dagli spiriti né è il caso che le vengano comunicati.

Si deve agire per amore, e per amore ritrovare se stessi.
.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Lascia un commento con Facebook

Torna su