08art_pulizie1

Molti fattori determinano lo svolgimento del nostro destino e il feng shui ci insegna che possiamo intervenire su quelli che hanno a che fare con l’ambiente: il modo in cui interagiamo con gli spazi circostanti rispecchia e, a sua volta, determina il nostro rapporto con le energie circostanti.

Secondo l’antica tradizione cinese, il fato è influenzato da cinque fattori (definiti anche “cinque principi base di un’esistenza fortunata”):
1. dal destino: deciso dal Cielo, immutabile e non conoscibile;
2. dalla fortuna: decisa dal Cielo, immutabile, ma parzialmente conoscibile grazie all’astrologia;
3. dal feng shui: arte di sapersi collocare nell’ambiente nel modo giusto, al momento giusto e nella direzione corretta. Dipende dall’uomo e dalle sue scelte;
4. dalla filantropia: carità, benevolenza, il fare buone azioni e fare del bene;
5. dall’autodisciplina e dal duro lavoro: l’impegno che mettiamo nella vita può cambiare il nostro fato.

Grazie al libero arbitrio, e alle conoscenze delle basilari regole del feng shui, abbiamo la possibilità di armonizzare la nostra esistenza in maniera ottimale. Il destino e la fortuna sono determinati dalla data e ora di nascita. Dopo i nove mesi di gestazione quando si viene alla luce vi è un istante in cui per la prima volta il nostro corpo assorbe l’energia universale, frutto dell’unione del Cielo e della Terra. Questo influsso cosmico determina l’energia che ci accompagnerà per tutta la vita. In ogni cultura si è sempre presa in considerazione l’importanza astrologica per individuare le caratteristiche principali della persona. Naturalmente non sto parlando dell’astrologia moderna tante volte ridicolizzata, ma di una profonda conoscenza che può arrivare a determinare se una certa ora, in un qualsiasi anno, è per noi propizia o meno. Anche nel feng shui c’è una scuola che si occupa di astrologia: la Scuola dei Quattro Pilastri (anno, mese, giorno e ora) detta anche Ba Zi.

La grande forza del feng shui sta proprio nella possibilità di evitare i periodi neri limando le negatività cicliche che ci aspettano durante la vita. Con il feng shui non si lavora solo sulla salute, ma anche su tutti gli altri aspetti della vita: prosperità economica, successo e fama, amore, rapporto con familiari, figli ed amici, incontri giusti nella vita, carriera lavorativa e propria evoluzione spirituale.

L’altro fattore fondamentale per poter avere successo nella vita è quello didonare o regalare almeno il 10% di ciò che si possiede; solo dando si potrà ricevere. Gli oggetti o il denaro di cui ci priviamo garantiscono un rientro energetico karmico sotto una qualsiasi forma non necessariamente materiale.
Infine bisogna avere degli Obiettivi nella vita e il perseguirli a cuore aperto determina una continua evoluzione personale.

Il nostro futuro dipende in grande parte dall’utilizzo del feng shui nella vita di tutti i giorni. Ma cosa possiamo fare nella pratica per iniziare ad applicare questa millenaria arte cinese? Anche non avendo grandi conoscenze sul feng shui, la prima cosa da fare è quella di effettuare una pulizia fisica (space clearing) all’interno della nostra abitazione.

Si possono distinguere due tipi di pulizia, una fisica e una energetica. Prima di iniziare una “pulizia energetica” è essenziale effettuare una “pulizia fisica”. In media più del 50% degli oggetti che possediamo costituiscono “clutter”, ossia ingombro, cose inutili che creano disordine. Mantenere in casa oggetti superflui ostacola il raggiungimento degli obiettivi e il superamento delle problematiche. Rimanere attaccati a vecchi oggetti simbolicamente significa voler rimanere ancorati al passato ed è come aver paura di seguire il normale fluire della propria vita. Le persone depresse tendono ad accumulare oggetti sul pavimento, come un peso che trattiene e spinge verso il basso. Una miriade d’acquisti per la casa rappresentano simbolicamente il colmare vuoti affettivi o interiori.

Il gesto liberatorio di eliminare ciò che è vecchio giova all’energia dell’abitazione, ma soprattutto a noi stessi. In pratica bisogna buttare via, vendere o meglio donare ai bisognosi tutte le cose vecchie che possediamo e che non utilizziamo ormai da anni compresi vestiti, scarpe e anche libri che si possono donare alle biblioteche e riprendere gratuitamente in prestito in caso di necessità.

Una buona regola feng shui è quella di buttare via qualcosa di vecchio ogni volta che si acquista un oggetto nuovo; questo eviterebbe clutter inutile. Bisogna avere fiducia nell’Universo, e non paura che un domani le cose buttate via ci possano servire. Questa sarebbe una grave mancanza di fede da parte nostra nell’energia universale; sarebbe un messaggio preciso al cosmo di non ritenerlo in grado di poter provvedere alle nostre necessità. Alcune patologie o problematiche, possono sparire da un giorno all’altro solo effettuando una pulizia della propria casa, liberandosi da oggetti vecchi dai quali non siamo mai riusciti a separarci e che a livello psicosomatico potrebbero rappresentare la causa dei nostri problemi.

Quando si cambia lavoro, s’inizia una nuova relazione, si ritorna da una vacanza o avviene un qualsiasi altro cambiamento nella propria vita, è il momento ideale per uno space clearing. Effettuando una pulizia della casa, si verifica subito un cambiamento vibrazionale della persona. Bisogna pulire bene tutti i cassetti, gli spazi dietro le porte, i cassettoni sotto il letto, i file sul computer, l’auto, ecc. Insomma bisogna riordinare tutto ciò che ci appartiene. Ricordarsi anche di sbattere divani, materassi e cuscini per rimuovere la polvere stagnante. Non avete mai notato che quando si fanno le pulizie di primavera avviene un cambiamento anche dentro di voi? Non vi sentite diversi?

“Un lungo viaggio inizia sempre con un piccolo passo”

L’ideale è sistemare casa un po’ alla volta, ad esempio riordinando un cassetto o un armadio al giorno; certamente il tutto richiederà tempo, ma ne varrà veramente la pena. Dopo ogni cambiamento che si opera in casa, la nuova energia ha bisogno di stabilizzarsi un po’ alla volta; per questo non è bene effettuare velocemente le pulizie fisiche. È preferibile ordinare e pulire casa durante le ore assolate ed in fase di luna calante; se si fa la sera tenere le stanze illuminate molto bene soprattutto negli angoli in modo da purificare nel possibile il Qi (con l’energia del Fuoco) ed impedire il ristagno di energia perversa.

Commenta l'articolo tramite e-mail

Messaggio (max 2000 caratteri)Tutti i campi sono obbligatori. L'e-mail non sarà pubblicata

Commenta l'articolo tramite Facebook