Siate semplici…a dispetto della complessità

Possiamo imparare davvero molto dai nostri bambini, anche semplicemente osservando il loro modo di muoversi nei confronti della vita…

Pablo Picasso disse: “Ho passato i primi 40 della mia vita cercando di essere un adulto e i successivi quaranta a cercare di tornare di nuovo bambino”.

Qualche giorno fa mi è capitato di leggere su un libro questa frase di Picasso che mi ha colpito e mi ha fatto sentire in armonia con il mio sentire. Accidenti, se anche un grande come lui avevo fatto questa semplice scoperta allora siamo a cavallo. Ho scoperto di avere dalla mia parte un grande, allora anche io posso permettermi di esprimere questa mia profonda convinzione senza aver paura di essere presa per una che dice cose troppo semplici e apparentemente banali.

Questo mio modo di presentare la vita, di parlare della vita va talvolta contro ed è dissonante con il mondo che ci circonda, con il mondo dell’informazione e con tutto quello che da anni ci è stato insegnato. Ed invece io voglio davvero dirvi che la semplicità, l’autenticità non sono cose che ci sminuiscono al contrario possono essere qualità che ci arricchiscono. La semplicità al posto dell’opulenza, al posto della ridondanza di cose che riempiono la nostra vita, senza farci sentire appagati.

Ci hanno fatto credere che più siamo tronfi di noi stessi e più usiamo parolone complicate, più saremo apprezzati, famosi, importanti e più ci faremo strada nella vita… ed invece io vi chiedo: quali sono le persone che più vi fanno vibrare il cuore? Quelle che parlano di cose che si sono oramai svuotate di senso e non dicono più nulla o quelle che manifestano se stesse con grande umiltà e compassione? Quali sono le cose che restano dentro di voi anche quando è passato tanto tempo…? Forse i  grandi discorsi pieni di nulla, o le cose semplici e apparentemente piccole e insignificanti che però vi hanno toccato il cuore? Il sorriso di un bambino, la vostra mano nella mano di una persona che amate, un abbraccio, uno sguardo, una parola detta con affetto, un piccolo gesto… Guardando indietro alla Vostra vita, riflettete sulle situazioni che vi fanno sentire grati ed orgogliosi per la vita che avete vissuto e state vivendo.

Semplicità non significa superficialità o banalità, significa invece sentire davvero quello che ci accomuna agli altri esseri umani, agli altri esseri viventi, agli animali, alla natura, al nostro splendido pianeta terra. Tutto questo può essere la semplicità, un qualcosa di piccolo nella sua infinita grandezza.

E a questo riguardo, noi adulti possiamo davvero imparare molto dai nostri bambini. Possiamo ritrovare alcuni aspetti di noi stessi, che pensavamo non esistessero nemmeno più. Possiamo ritrovare l’entusiasmo nei confronti della nostra esistenza, la giocosità, la gioia, la curiosità, il senso del fantastico, che sono ancora un nostro prezioso patrimonio, ma  che semplicemente abbiamo perso.
Perché, man mano che crescevamo, ci è stato insegnato che tutte queste cose non andavano più bene da grandi e noi giorno per giorno le abbiamo tenute nascoste dentro di noi, per poi non ritrovarle più neanche quando avremmo voluto.

Ritroviamo la semplicità che va di pari passo con la sacralità e la gioia nei confronti della vita. I bambini, se noi permettiamo loro di farlo, possono aiutarci a riconnetterci con tutto ciò in modo immediato e prorompente. I bambini hanno questa grande capacità di saper fluire con l’esistenza ed anche noi possiamo imparare nuovamente a farlo.

Immaginate davvero in modo un po’ fantastico che i nostri bimbi siano davvero dei messaggeri, che sono arrivati e stanno arrivando da un altro pianeta, da un altro mondo per risvegliarci e dirci a gran voce:

Siate semplici,a dispetto della complessità
Siate gioiosi a dispetto della tristezza
Siate entusiasti, curiosi, e fiduciosi
a dispetto della “scontatezza” e della paura.
Ognuno di voi ha un cuore,
che sente e comunica con altri cuori,
usate questa vostra meravigliosa capacità,
in ogni ambito ed in ogni occasione della vostra vita,
e questa sarà davvero la Vostra Salvezza.

Commenta l'articolo tramite e-mail

Messaggio (max 2000 caratteri)Tutti i campi sono obbligatori. L'e-mail non sarà pubblicata

Commenta l'articolo tramite Facebook