Intervento di Claudio Maneri al convegno “Voci dai Mondi” (Milano, febbraio 2014) organizzato da AnimaEventi.com

 

Tra gli argomenti:

Quando un genitore perde un figlio, si trova davanti a un bivio: lasciarsi andare o fare qualcos’altro.

Per superare il dolore, il “fare” diventa uno strumento essenziale.

Quando muore un figlio, oltre alla mamma, c’è anche un papà.

La vita continua e sostanzialmente non si muore.Questa è una “convinzione” che nasce da esperienze personali e conferme che Claudio Maneri ha avuto anche mediante comunicazione medianica con la sua stessa figlia dall’aldilà.

Se uno veramente crede nella vita e in qualcosa, alla fine riesce a farla… ma bisogna crederci davvero.

Un’esperienza, anche tragica, può servire nel disegno più grande di cui non abbiamo conoscenza.

Ognuno di noi ha un piano di vita e uno scopo per il quale si è incarnato.

Fai sempre ciò che ti senti di fare, e non sbaglierai mai. E quando ti sbagli, solo perché sei un po’ sordo, questo errore puoi solo benedirlo perché ti fa crescere.

Ogni essere umano è l’artefice del proprio cammino.

Il più grande cambiamento è quello che chiamiamo morte.

L’amore c’era prima e ci sarà sempre, e aver permesso a una creatura di fare l’esperienza di andarsene è un dono meraviglioso.

Non bisogna cercare i miracoli, ma la comprensione.

E’ essenziale dopo un grande dolore, guardare dentro se stessi. Lo sguardo deve spostarsi dal figlio che ha terminato il suo percorso e posarsi su chi è rimasto sulla Terra, e sul rapporto che legava le due anime.

Quella separazione improvvisa o prematura dovrebbe essere sempre scintilla di cambiamento ed evoluzione e mai, come succede troppo spesso, di rinuncia a vivere la propria vita.

 

Commenti:

  1. monica

    messaggio di grande speranza! se fosse possibile desidererei avere la possibilità di contattare Claudio via mail per alcune informazioni circa il suo progetto
    Grazie di cuore
    MOnica

    Rispondi

Commenta l'articolo tramite e-mail

Messaggio (max 2000 caratteri)Tutti i campi sono obbligatori. L'e-mail non sarà pubblicata

Commenta l'articolo tramite Facebook