Intervento di Erica F. Poli per Femminil-Mente. Tema della serata: Donne e religione (Milano, giugno 2014).

Tra gli argomenti:

Gesù incontra donne di continuo. La figura della donna nella storia del Cristo è quella di mediatrice, capace di fare da ponte tra una trasformazione e l’altra.

Il cervello di una donna è come il cielo, dove si alternano stelle, nuvole, ecc… mentre quello dell’uomo è come una montagna, che subisce modificazioni ma in modo meno evidente.

Tra i suoi significati, “religione” significa “unire insieme”.

Il cervello della donna tende a considera più cose insieme e a collegarle insieme, in questo senso la donna è “religiosa”.

Nelle antiche religioni si riteneva il femminile un principio collegato alla vita. Oggi sappiamo che i mitocondri, organelli nel citoplasma della cellula, producono ATP, molecola che cede energia. Il DNA dei mitocondri viene ereditato solo per linea materna. Quanta vitalità abbiamo a livello cellulare dipende dunque dall’eredità materna.

È proprio della donna avere una vita intima, segreta e ciclica, in cui attraversa diverse fasi.

Fisiologicamente, la donna ha maggiormente sviluppate aree associative e zone temporali e della corteccia prefrontale (che si attivano anche durante le esperienze mistiche). Quindi il femminile è fisiologicamente propenso al contatto col sacro.

In questo contatto con il sacro, c’è anche una componente erotica molto forte. La sessualità è sempre stata anche una componente religiosa, una via di accesso al divino. La donna ha un rapporto erotico con l’esperienza nel senso che è diffusamente sensuale. Ogni volta che una donna vive qualcosa, lo vive completamente con il suo essere e il suo corpo, cioè in modo olistico.

Anche le neuroscienze ci spiegano che c’è una connessione profonda tra il cervello e la vagina, e l’esperienza dell’orgasmo e del trascendente.

Il femminile è uno strumento di piacere e di trascendenza. Quando una donna ha l’orgasmo ha il rilascio di una serie di ormoni e neurotrasmettitori che mediano esperienze trascendenti, che danno sentimenti di libertà e di potere. Una donna potente della sua sessualità è una donna libera.

Lo stato orgasmico femminile, nel suo acme, è uno stato estatico. L’energia femminile si connette al trascendente in modo totale, disattivando le aree razionali del cervello, cosa che nell’uomo usualmente non accade se dopo anni di pratica meditativa.

 

 

Commenta l'articolo tramite e-mail

Messaggio (max 2000 caratteri)Tutti i campi sono obbligatori. L'e-mail non sarà pubblicata

Commenta l'articolo tramite Facebook