Quale enigma si cela dietro le apparizioni mariane?

 

Intervento di Gaia Shamanel al terzo convegno di parapsicologia e medianità “Voci dai Mondi” organizzato da Anima Eventi (12 Marzo 2016 – Palazzo Castiglioni, Milano).

Gaia Shamanel è storica delle religioni, conferenziera, saggista e psicoanalista. È specializzata in scienze bibliche, religioni orientali e culti dell’antichità.

Tra gli argomenti del video:

“Maria” è un nome che deriva dal nome ebraico Miriam (Myrhiàm), che a sua volta significa “madre”.

Le apparizioni “mariane” appartengono a tutte le religioni e in tutte le epoche.

Il tempio di Efeso dedicato alla dea Artemide era considerato una delle sette meraviglie del mondo. La prima apparizione di Maria nota avvenne proprio a Efeso.

A oggi ci sono circa 2500 apparizioni mariane registrate, escluse quelle di cui si è persa memoria.

Le persone a cui Maria appare sono persone con facoltà medianiche sviluppate a cui consegna i messaggi di carattere spirituale.

Di base, i messaggi contengono tre inviti:
1. Essere buoni, essere persone positive, amorevoli, caritatevoli.
2. Evitare di fare cose malvagie, negative.
3. Coltivare la propria strada spirituale.

Spesso la “bella signora” fa delle profezie, a breve termine o rivolte a un futuro che ancora non è manifestato.

Nella maggior parte delle apparizioni mariani lascia dei doni all’umanità, di diversa natura: grazie, guarigioni, conversioni, sorgenti di acqua miracolosa, segni visibili a tutti.

A Fatima i tre pastorelli ricevono una profezia divisa in tre parti. La “bella signora” chiese che la terza parte del segreto venga svelata non prima del 1960 al Papa. Ma la Chiesa ce lo divulgò, senza interpretarlo, solo nel 2000. Il segreto è molto criptico e corre voce che non sia stato rivelato per intero.

Le apparizioni di Medjugorje sono straordinariamente numerose e sono state ricevute da sei veggenti.

Interviene anche la Dott.ssa Erica Poli, psichiatra e psicoterapeuta, nell’analisi di un documento filmato relativo alle verifiche scientifiche effettuate sui veggenti di Medjugorje.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Lascia un commento con Facebook

Torna su