Intervento di Giuseppina Tazzioli e Gian Paolo Del Bianco a “Dialoghi sulla Coscienza” (15-16-17 aprile 2016, Villa Bertelli – Forte dei Marmi), organizzato da Simona Barberi Eventi.

Tra gli argomenti del video:

Jung ha paragonato la Coscienza ai mandala.

Il primo mandala che la coscienza incontra è l’utero.

Il secondo mandala è l’incrocio delle braccia tra la madre e il padre, quando la madre presenta il figlio al padre e il bambino è nel mezzo di questo abbraccio.

Il terzo mandale è il mondo.

Il nome “madre” significa “colei che si occupa del mondo materiale”, colei che insegna al figlio il concetto dell’immanenza e a prendere la misura del proprio tempo mortale.

Ci si può aprire alla trascendenza solo dopo essere discesi pienamente nell’immanenza. Il Cristo risorge poiché è pienamente morto.

Le immagini che legano il dono della maternità alla coscienza sono: l’attesa, il volto, il latte.

Il lavoro sulla coscienza e sulla crescita non può essere scollegato dal piacere.

Il padre è colui che si occupa dell’eterno, è il sacerdote che insegna a trascendere.

La parola accade dove prima vi era la fame. Lo sviluppo del linguaggio in un certo senso è lo sviluppo del precedente bisogno di chiedere l’oggetto che si desidera mangiare.

La parola della madre è dell’accoglienza, quella del padre è la parola della legge, che delimita.

*

Vuoi ricevere le novità di Anima.TV? Iscriviti alla newsletter qui: https://anima.tv/form-iscrizione-newsletter/

 

Commenta l'articolo tramite e-mail

Messaggio (max 2000 caratteri)Tutti i campi sono obbligatori. L'e-mail non sarà pubblicata

Commenta l'articolo tramite Facebook