Conferenza di Angelo Vitale. L’autore presenta il libro Sequenze Numeriche per l’Armonizzazione Psicologica di Grigori Grabovoi, edito da Anima.

Sequenze Numeriche di Grigori Grabovoi a cura di Angelo Vitale

 

L’applicazione della tecnologia di Grigori Grabovoi non si fa con la meditazione. Occorre sviluppare un processo di pensiero edificante, e questo lo si fa da “svegli” e non in stato di trance.

L’armonizzazione psicologica di Grabovoi è una armonizzazione dei processi di pensiero logici, attivi.

Nel libro troviamo tre tipologie di sequenze: per eliminare un disturbo psicologico; per intervenire sugli altri aiutandoli a guarire; per far raggiungere l’eternità alle cellule del corpo.

Grabovoi parla di un periodo che ci aspetta dove la terra farà un salto quantico e allora resteranno due tipologie di persone: quelle che faranno il salto quantico e raggiungere un’eternità fisica, scegliendo quando lasciare il corpo o meno, e quelle che non si reincarneranno nel corpo fisico ma in altre dimensioni.

Il cervello ha la capacità di adattarsi a tutte le situazioni ambientali nonostante le interferenze, grazie alla sua neuroplasticità. Ma si tratta di un’arma a doppio taglio, perché permette di adattarci a situazioni disfunzionali, che comunque continuano a condizionarci. Con la sequenza numerica, possiamo rimodulare la struttura neuronale del cervello alla base.

Le sequenze numeriche non vanno interpretate come un numero di telefono, ma sono numeri singoli messi uno vicino all’altro che operano ciascuno su un’area del cervello e, in sequenza, provocano l’attivazione di determinate aree cerebrali.

L’uomo non è obbligato a invecchiare: ha la potenzialità di mantenere il proprio corpo giovane se si sintonizza con le capacità della sua parte divina. Possiamo fare ciò non solo agendo sul nostro corpo, ma anche sull’ambiente intorno a noi.

In video, Vitale dà anche un esempio di pilotaggio della realtà applicando la sequenza numerica per la “personalità autorealizzata”.

Commenta l'articolo tramite e-mail

Messaggio (max 2000 caratteri)Tutti i campi sono obbligatori. L'e-mail non sarà pubblicata

Commenta l'articolo tramite Facebook