trofie-def

I gambi di cime di rapa possono essere utilizzati per creare un ottimo pesto, come nella ricetta di questo articolo, a cura di Lucia Valentina Nonna

 

La ricetta che propongo oggi è realizzata con un ingrediente che spesso viene considerato come scarto, ma che si presta a preparare ottimi piatti. Sto parlando dei gambi delle cime di rapa.

Rispetto alle foglie, il sapore risulta più delicato, ma altrettanto particolare, specie se lo si esalta con altri ingredienti, come per esempio in questo pesto, davvero semplice da realizzare.

Trofie al pesto di gambi di cime di rapa con pomodorini secchi, olive taggiasche e nocciole

Ingredienti (per 2 persone)

  • 200 gr di gambi di cime di rapa
  • 6 pomodorini secchi
  • 2 cucchiai di nocciole tritate
  • 2 spicchi d’aglio
  • Olio extra vergine
  • 3 cucchiai di olive taggiasche
  • 1/2 cucchiaio di sale marino integrale
  • 200 gr di trofie

Dopo aver lavato i gambi, cuocerli a vapore secondo il metodo preferito. Io utilizzo una pentola capiente con dentro due dita d’acqua, poi sistemo una retina metallica sulla quale adagio i gambi e infine copro col coperchio. Perché diventino teneri occorre circa mezz’ora. Una volta pronti, passarli nel mixer (andrà bene anche un frullatore), fino a ridurli in purea.

Mettere sul fuoco la pentola con l’acqua per le trofie, aggiungere il sale poco prima dell’ebollizione, e versarle nell’acqua bollente per il tempo indicato sulla confezione.

Nel frattempo, in una padella, dorare l’aglio nell’olio, aggiungendo un po’ di sale, i pomodorini secchi tagliati a striscioline, le olive denocciolate e le nocciole. Dopo qualche minuto, quando i pomodorini iniziano a intenerirsi, togliere l’aglio e aggiungere la purea di gambi di cime di rapa, mescolando bene per amalgamare i sapori.

Quando pronte, scolare le trofie, tenendo un po’ d’acqua di cottura. Saltare quindi le trofie in una pentola insieme al pesto e all’acqua di cottura (per aiutare la cremosità) per un paio di minuti.

Lucia Valentina Nonna

Autrice del libro Diario di una famiglia vegan.

LibroDiarioFamigliaVeganNonna

 

Ricetta gennaio BalenaVolante per Anima TV

 

Commenta l'articolo tramite e-mail

Messaggio (max 2000 caratteri)Tutti i campi sono obbligatori. L'e-mail non sarà pubblicata

Commenta l'articolo tramite Facebook