Random Top

 

Uma alias Gazzella Mimosa presenta il suo libro Vivere nella Sincronicità (Anima Edizioni). Conferenza del 26 giugno 2016 presso Libreria Gruppo Anima, Milano. Il libro è ordinabile anche via web a questo link.

Libro-Sincronicita-Uma2

 

Tra gli argomenti del video:

Vivere nella sincronicità significa allineare tutte le nostre parti con il programma dell’anima. Conoscere il programma dell’anima è una scoperta che avviene gradualmente nel tempo e in base a come rispondiamo alle prove della vita.

Dentro ciascuno di noi esiste una struttura animica attorno alla quale si sviluppano diverse personalità, che sono attivate da diverse situazioni.

La maggior parte delle persone è identificata con una delle loro personalità.

Per conoscere il nostro programma d’anima e la nostra missione dobbiamo riconoscere e identificare le personalità, che sono ciascuna portatrice di strumenti e talenti.

Se vogliamo vivere nella sincronicità, dove gli eventi accadono in modo sincronico, dobbiamo superare i nostri automatismi e ricercare la missione della nostra anima.

La pratica è fondamentale, perché niente accade se non ci si impegna con volontà e disciplina.

I conflitti che incontriamo nel mondo sono la proiezione dei conflitti che abbiamo dentro di noi.

Spesso noi consideriamo come parte della realtà solo quello che riusciamo a percepire, ignorando che ogni cosa è connessa, anche sul piano invisibile.

Noi non siamo solo il corpo, i nostri pensieri, le nostre emozioni. Siamo qualcosa di più grande.

Il nostro corpo è percorso da microlinee, da canali energetici, che è necessario tenere puliti.

Per capire qual è la propria missione, bisogna partire esplorando quegli ambiti in cui sentiamo di avere più energia o dove siamo più coinvolti.

*

Vuoi ricevere le nostre novità? Iscriviti alla newsletter qui: https://anima.tv/form-iscrizione-newsletter/

Attenzione, per i commenti sulle nostre community rispettare la Netiquette: https://anima.tv/netiquette

 

Commenta l'articolo tramite e-mail

Messaggio (max 2000 caratteri)Tutti i campi sono obbligatori. L'e-mail non sarà pubblicata

Commenta l'articolo tramite Facebook