Intervento di Giovanni Bartoloni al convegno I Nuovi Paradigmi della Medicina Integrata (21 Maggio 2016, Policlinico di Catania). Tema: “Da un vecchio paradigma: l’asse cuore-cervello”.

Tra gli argomenti del video:

Il cuore non è solo un muscolo cardiaco ma è anche in relazione con il sistema nervoso centrale.

La parola cuore nella sua etimologia richiama la “vibrazione”.

Il cuore è il primo organo che si forma e attraverso il suo campo comincia a influenzare gli altri visceri.

I campi morfo-genetici attualmente non sono ancora ben conosciuti perché poco studiati.

il biocampo è un campo di forze non necessariamente elettromagnetico, privo di massa, che permea e controlla le funzioni vitali.

il campo morfo-genetico è un processo dinamico coerente alla guida dello sviluppo embrionale, della rigenerazione cellulare e della  morfostasi.

I campi morfo-genetici più in generale influenzano tutto il funzionamento dell’organismo.

Il gene svolge solo una piccola parte.

Il cuore comunica e coordina gli altri apparati. Inoltre è sede della coscienza e del controllo delle emozioni.

Il cuore è generatore di un potente campo elettromagnetico.

Perché si dice parlare con il cuore?

Si dice che il cuore non mente mai, cioè invia segnali di controllo autentici, attraverso onde sonore e onde elettromagnetiche.

Il “disturbo di comunicazione” può dare per esempio una patologia. Esiste per esempio un rapporto diretto tra l’ansia e il rischio di patologie cardiache.

La scienza vede solo quello che sa, ma questo non significa che vede tutto.

Ci sono diverse evidenze che collegano la salute del cuore allo stato emotivo della persona.

Il cuore può essere sede di memoria cellulare.

La memoria cellulare è fuori dalla capacità di controllo del cervello.

Con la vecchia visione si pensava che fosse il cervello a comandare sul cuore.

Le emozioni occupano un peso rilevante perché agiscono sull’equilibrio gestito dal cuore.

Le emozioni positive come la gratitudine riportano l’equilibrio nel sistema del cuore.

Le onde elettromagnetiche che partono dal cuore avvolgono il corpo e si estendono oltre i suoi confini fisici. Tale campo è molto più forte rispetto a quello prodotto dal cervello.

La forma del cuore non è casuale, ma ricalca la sequenza aurea di Fibonacci.

*

Vuoi ricevere le novità di Anima.TV? Iscriviti alla newsletter qui: https://anima.tv/form-iscrizione-newsletter/

Commenta l'articolo tramite e-mail

Messaggio (max 2000 caratteri)Tutti i campi sono obbligatori. L'e-mail non sarà pubblicata

Commenta l'articolo tramite Facebook