Incontro con Chamtrul Rinpoche.

Secondo il Buddismo Tibetano lo scopo della vita è il raggiungimento della felicità.

Se la nostra mente è pervasa da emozioni negative, è molto difficile riuscire a sperimentare la felicità, ma se invece le nostre percezioni sono più positive allora ci saranno più possibilità.

Non è sufficiente focalizzarsi solo sul raggiungimento della felicità, allo stesso tempo è importante riconoscere la sofferenza e le sue cause in modo da poterle eradicare attraverso metodi e pratica.

Karma è un termine sanscrito che tradotto letteralmente significa “azione”. Dalle nostre precedenti azioni dipendono la nostra futura felicità e sofferenza.

Tutto non dipende solo dal karma accumulato, in quanto la sua maturazione è legata anche alle cause e alle condizioni che sviluppiamo nel presente.

Se in questo momento le azioni di corpo, parola e mente fossero negative, ci sarebbero le condizioni per la fruizione del karma negativo precedentemente accumulato; ma se invece portiamo avanti azioni positive di corpo, parola e mente, allora queste diventano le condizioni favorevoli per la fruizione del karma positivo, quello che ci dà felicità.

Se ci chiedessimo come erano le nostre vite precedenti dovremmo guardare a come è la nostra vita ora, in cui compaiono i segni, i frutti delle nostre azioni precedenti.

*

Vuoi ricevere le novità di Anima.TV? Iscriviti alla newsletter qui: http://anima.tv/form-iscrizione-newsletter/

Vuoi aiutarci a darti di più? Scopri come sostenere il nostro progetto: http://anima.tv/redazione/2017/206-sostenere-anima-tv/

 

Commenta l'articolo tramite e-mail

Messaggio (max 2000 caratteri)Tutti i campi sono obbligatori. L'e-mail non sarà pubblicata

Commenta l'articolo tramite Facebook