Francesca Più, autrice del libro Alimentarsi – L’Equilibrio nella Nutrizione (Anima Edizioni), ci spiega la differenza tra frullati ed estratti.

Il libro Alimentarsi è disponibile in libreria o tramite web a questo link.

Libro-Piu-Alimentarsi

 

Frullati ed estratti si differenziano per:

– Fibre. Sono assenti negli estratti, mentre rimangono nei frullati.

– Proprietà. Negli estratti le proprietà rimangono inalterate, mentre nei frullati vi è qualche dispersione di nutrienti a causa del taglio effettuato dalle lame e dall’ossidazione.

– Convenienza. Gli estrattori di buona qualità costano molto di più rispetto ai frullatori.

– Ingredienti. A differenza del frullato, nell’estratto non si possono utilizzare ingredienti cremosi o con poca acqua come la frutta secca, le banane e così via.

– Lo scarto. Con l’estrattore, a differenza del frullatore, si ha uno scarto, tuttavia spesso si può riutilizzare in altre ricette.

– Facilità di utilizzo. Il frullatore è molto semplice da utilizzare e pulire, l’estrattore invece richiede maggior cura.

– Più verdure negli estratti. Negli estratti è importante che gli ingredienti siano soprattutto a base di verdura e non di frutta, altrimenti si rischiano picchi glicemici causati dallo zucchero della frutta.

*

Vuoi ricevere le novità di Anima.TV? Iscriviti alla newsletter qui: http://anima.tv/form-iscrizione-newsletter/

Vuoi aiutarci a darti di più? Scopri come sostenere il nostro progetto: http://anima.tv/redazione/2017/206-sostenere-anima-tv/

Consulta il nostro Calendario Eventi qui: https://anima.tv/eventi/

Attenzione, per i commenti rispettare la Netiquette: http://anima.tv/netiquette/

Commenta l'articolo tramite e-mail

Messaggio (max 2000 caratteri)Tutti i campi sono obbligatori. L'e-mail non sarà pubblicata

Commenta l'articolo tramite Facebook