bio-on-0

La società italiana Bio-on è nota in tutto il mondo per la produzione di plastica biodegradabile al 100%. 

 

La grande esperienza chimica italiana offre un valido strumento per affrontare la sfida ambientale del futuro grazie a Bio-on, un’azienda emiliana produttrice di plastica completamente biologica (biodegradabile in poche settimane in acqua microbiologicamente non pura).

Bio-on prende vita nel 2007 nei pressi di Bologna e, dopo una rapida ascesa in borsa, oggi l’azienda, che riceve richieste di produzione da ogni parte del mondo, ha un valore di mercato che ha superato il miliardo di euro.

Come esplicitato nella mission dell’azienda, Bio-on nasce “con l’intento di operare nel settore delle moderne Biotecnologie applicate ai materiali di uso comune con lo scopo di dare vita a prodotti e soluzioni completamente naturali, al 100% ottenuti da fonti rinnovabili o scarti della lavorazione agricola “.

I principali settori in cui opera Bio-on sono:
– Bioplastica per i componenti dei giocattoli
– Microplastiche nelle formulazioni cosmetiche
– Nano medicina e teranostica (nano particelle magnetiche utilizzate per diagnosi e terapie di tumori)
– Eliminazione del petrolio riversato in mare (particelle di bioplastica che ospitano speciali microrganismi marini che intaccano il petrolio)

La natura trova sempre la soluzione” è il motto del presidente e ceo di Bio-on Marco Astorri.

In questo video del lontano 2011 Marco Astorri condivide la sua filosofia di vita e di lavoro, che probabilmente spiega in buona parte il successo di Bio-on:

 

In quest’altro video del dicembre 2017 Astorri, intervistato dalla trasmissione televisiva Petrolio, spiega in dettaglio i moventi e i raggiungimenti di Bio-on:

 

bio-on-2

 

Redazione Anima.TV

 

Fonti:
it.businessinsider.com/bio-on-la-societa-italiana-che-ha-inventato-il-modo-per-produrre-plastica-biodegradabile-al-100-vale-piu-di-1-miliardo-di-euro/
www.bio-on.it/index.php

Credits Img:
www.bio-on.it/index.php

Commenta l'articolo tramite e-mail

Messaggio (max 2000 caratteri)Tutti i campi sono obbligatori. L'e-mail non sarà pubblicata

Commenta l'articolo tramite Facebook