James Redfield ci spiega come la consapevolezza spirituale cambia i rapporti con i bambini e nelle relazioni affettive.

Tra gli argomenti del video:

Man mano che sviluppiamo una vita spirituale ci rapportiamo con i nostri affetti in maniera diversa.

Ciascuna persona possiede una sua propria verità che sta lottando per emergere.

Quando parliamo ai nostri figli è importante renderli consapevoli del fatto che sono qui per fare la loro parte.

Dobbiamo parlare con loro fin da piccolissimi riguardo il loro contributo spirituale, cosa vogliono fare e creare.

Ci sono bambini che sanno cosa vogliono fare fin da piccoli.

Noi possiamo aiutarli a ricordare ciò che si sono portati dietro dal mondo spirituale.

È importante dire ai nostri bambini come noi viviamo la spiritualità ed essere onesti con loro, anche quando facciamo errori, lasciando che abbiano la loro opinione.

le nostre opinioni rappresentano una direzione di vita per i nostri bambini, ma dobbiamo essere anche flessibili e lasciare che, crescendo, decidano di cambiare rotta. la nostra verità è un trampolino per la loro verità.

Quanto alle persone che amiamo, in una relazione sentimentale realizziamo sempre di più di avere un’etica da mantenere, cioè che siamo persone integre e autosufficienti e quindi non succhiamo energia dalla relazione ma anzi cerchiamo di fornirla noi stessi.

La coscienza è sempre caratterizzata da un senso di benessere indipendentemente da cosa accade intorno.

La relazione ha bisogno della nostra energia e dobbiamo dargliela senza manipolazioni e senza cercare di controllare la vita dell’altra persona.

*

Vuoi ricevere le novità di Anima.TV? Iscriviti alla newsletter qui: http://anima.tv/form-iscrizione-newsletter/

Vuoi aiutarci a darti di più? Scopri come sostenere il nostro progetto: http://anima.tv/redazione/2017/206-sostenere-anima-tv/

Consulta il nostro Calendario Eventi qui: https://anima.tv/eventi/

Attenzione, per i commenti rispettare la Netiquette: http://anima.tv/netiquette/

Commenta l'articolo tramite e-mail

Messaggio (max 2000 caratteri)Tutti i campi sono obbligatori. L'e-mail non sarà pubblicata

Commenta l'articolo tramite Facebook