Il bisogno di sentirsi speciali

Tu sei speciale non perché diverso o superiore agli altri, ma perché sei unico e hai un modo unico di attraversare la vita e di metterti al suo servizio…

 

Il bisogno di essere considerati come qualcuno di speciale o differente dagli altri è il frutto di una cultura moderna dove l’individualismo assume toni estremi e porta le persone a competere fra di loro invece che a seguire la propria autenticità.

Tutti noi nasciamo con l’istinto di fluire nella vita attraverso la nostra natura autentica e i nostri desideri, ma crescendo veniamo sopraffatti dalle credenze altrui, dagli ostacoli e dalle delusioni, al punto tale che perdiamo fiducia in quello che siamo davvero. Abbandoniamo i nostri talenti e rinunciamo all’ascolto della nostra unicità, e così facendo creiamo un vuoto dentro di noi che proveremo a colmare attraverso il riconoscimento esterno, ma ciò non accadrà mai.

Solo se rispetti e curi i tuoi talenti, invece di elemosinare l’attenzione degli altri, puoi trovare quell’appagamento profondo che ti fa percepire di essere parte attiva di un mondo vibrante, in continua evoluzione, dove tutte le unicità si incontrano.

Finché sei lontano dalla tua unicità, paradossalmente sei molto sensibile a chi ti dice che sei unico e speciale. Di fronte a chi ti fa tali complimenti, diventi subito contento, ti compiaci, senti che finalmente sei visto e tutto assume un sapore più dolce. Attenzione, è una trappola: il tuo bisogno di riconoscimento viene preso all’amo e, senza che tu ne sia consapevole, viene usato contro di te da chi intende manipolarti.

La via d’uscita è riconoscere il tuo bisogno di sentirti speciale e accorgerti da dove nasce, ossia dal fatto che hai abbandonato l’unica via che poteva farti sentire speciale davvero: seguire la tua natura autentica e assecondare i tuoi talenti.

Ascolta bene, tu sei speciale, tu sei un tassello dell’universo, e ogni tassello ha il suo posto, il suo senso, il suo percorso, la sua unicità. Il tuo cammino è solo tuo: non ha bisogno dell’approvazione o del riconoscimento altrui, ma ha bisogno di te. Tu sei speciale non perché diverso o superiore agli altri, ma perché sei unico e hai un modo unico di attraversare la vita e di metterti al suo servizio.

Da oggi in poi esprimi l’intento di seguire i tuoi talenti e i tuoi desideri. Puoi aiutarti con la seguente affermazione:

Riconosco e coltivo i desideri autentici che custodisco in me. Seguo con fiducia il percorso della mia unicità. Metto i miei talenti al servizio della vita. Creo tutto questo. Così ho scelto.

 

Camilla Ripani

Dal libro AAA cercasi guru disperatamente (Anima Edizioni)

Libro-Ripani-AAA-cercasi-guru

 

ripani-speciale

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Lascia un commento con Facebook

Torna su