Massimo Corbucci

Massimo Corbucci è medico e fisico nucleare; ha elaborato una nuova teoria sulla costituzione della struttura atomica. Ha collaborato con il GSI di Darmstadt per trovare la ragione dell’impossibilità di sintesi dell’atomo trans-Uranico di numero atomico 114: “Secondo un nuovo modello di atomo vi è un limite strutturale, che impedisce di fare un atomo con più di 112 elettroni e protoni”.

Ha suggerito al Direttore del CERN di Ginevra, il Prof. Luciano Maiani, di fermare la ricerca della “particella di Higgs”, proponendo una teoria alternativa al “meccanismo di Peter Higgs” nel conferimento della massa alle particelle.

Pertanto è autore della Nuova Tavola Periodica dei 112 elementi chimici e della teoria del Vuoto Quantomeccanico, che oltre a spiegare l’origine della materia, chiarisce il paradosso gravitazionale della caduta a differente accelerazione di metalli diversi, proponendo la gravità non come forza, ma come effetto di una “comunicazione” tra gravi, nei “tunnel” del Vuoto Quantomeccanico stesso.

Nel Dicembre del 2004 ha scoperto un sistema per consentire a 2 postazioni, comunque distanti nello spazio, di tele-comunicare senza che intercorrano i lunghi e “ostativi” tempi della propagazione radio. E’ un metodo da rivoluzione epocale, che ha brevettato in qualità di membro dei Radioamatori Italiani, insieme ad altri due rappresentanti dell’Ente, nell’Ottobre del 2005 – Questo segna l’inizio di una nuova impostazione epistemologica della fisica, dove diviene chiaro il fenomeno dell’entanglement, finora ritenuto un mistero inspiegabile in Fisica delle particelle.

Con queste basi Massimo Corbucci si propone alla Comunità scientifica come il pioniere di una “rivisitazione” del concetto di etere, abbandonato in Fisica, poiché veniva inteso come un quid che permea lo spazio siderale fisico, mentre in realtà va rivisto secondo un nuovo punto di vista, che lo colloca nei “sotterranei” della materia e viene ad essere in effetti quel Vuoto Quantomeccanico presente nel “cuore” di tutti gli atomi del Creato.

Da qui il passo per arrivare a definire una Teoria del Tutto è breve…