Incontro con Antonio Morandi (Milano Yoga Festival 2014).

L’Ayurveda è collegata a una divinità, ma non a una religione. Nell’induismo, di fatto, le divinità sono diverse espressione di un’unica grande energia che è Brahma.

Attraverso il veicolo grafico, le informazioni superano il tempo e non sono vincolate a un linguaggio particolare.

Il Dio dell’Ayurveda, Dhanvantari, è rappresentato con quattro braccia e ognuna tiene un oggetto: una conchiglia (che al suo interno ha il vuoto, origine di tutto), dell’amrita (prototipo della medicina), la sanguisuga o il bisturi (la capacità chirurgica) e un disco che ruota (il disco della conoscenza che taglia via l’ignoranza).

 

Commenta l'articolo tramite e-mail

Messaggio (max 2000 caratteri)Tutti i campi sono obbligatori. L'e-mail non sarà pubblicata

Commenta l'articolo tramite Facebook