Intervento di Roberto Antonio Bianchi al convegno “Ambiente e Salute” (Arco TN, 23-25 ottobre 2015), un’iniziativa della Fondazione Museo storico del Trentino.
Tra gli argomenti del video:

L’Ayurveda è la medicina più antica dell’umanità.

Una medicina dovrebbe avere come obiettivo la salute.

La respirazione è una funzione essenziale. Quando siamo stressati o abbiamo necessità di prendere decisioni importanti, dobbiamo respirare in modo profondo e completo.

Il bambino quando è stressato piange, mentre l’adulto blocca il respiro.

Il movimento aiuta il rafforzarsi delle ossa e la circolazione.

È importante mantenere elastica la colonna vertebrale.

L’alimentazione dovrebbe essere fresca, genuina, naturale e integrale, e sempre bio.

I fanghi fanno molto bene all’igiene. L’argilla è ricca di silicio e può essere applicata sul fegato o sulle giunture dolorose. Ha la capacità di assorbire le infiammazioni.

Possiamo ipertrofizzare le nostre strutture a seconda di come e quanto le usiamo.

Il sangue è un tessuto vivente che dà informazioni sul nostro stato di intossicazione.

Come disintossicarci? Ottimo è il bagno di vapore Lezaeta.

Le terapie naturali stimolano le cellule staminali del nostro corpo. Per esempio, fare fanghi, assumere succhi ecc. aiuta ad attivare la nostra staminalità e quindi a mantenerci giovani.

Il vapore ha una azione sterilizzante e uccide funghi e moltissimi virus, inoltre aiuta a scaricare metalli pesanti e inquinamento elettromagnetico.

Quando c’è la passione e la voglia di guarire, e anche una buona conoscenza di medicina naturale, compreso il cambio del proprio stile di vita, si ottengono buoni risultati.

La nutriceutica si occupa degli aspetti medicinali nei cibi. Per esempio ci sono cibi con proprietà medicinali come polline, ananas, papaya, fragole, carote ecc.

Gli omega3 fanno bene a tutte le malattie neurodegenerative.

La cipolla ha proprietà antibiotiche.

La mente è serena quando desidera ciò che già ha.

Commenta l'articolo tramite e-mail

Messaggio (max 2000 caratteri)Tutti i campi sono obbligatori. L'e-mail non sarà pubblicata

Commenta l'articolo tramite Facebook