Salvatore Natoli

Salvatore Natoli è nato a Patti (Me) ed è laureato in Storia della Filosofia. Da filosofo si è occupato per anni della relazione tra linguaggio ed etica.

Già docente di Logica presso la facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università di Venezia e di Filosofia della Politica presso la facoltà di Scienze Politiche dell’Università di Milano, attualmente insegna Filosofia Teoretica presso la Seconda Università di Milano. Ha collaborato a molte riviste, tra cui Prospettive Settanta, Il Centauro, Democrazia e diritto, Religione e società, Leggere, Bailamme e Metaxù.

E’ il propugnatore di un neopaganesimo, cioè di un’etica che, riprendendo elementi del pensiero greco (in particolare, il senso del tragico), riesca a fondare una felicità terrena, nella consapevolezza dei limiti dell’uomo e del suo essere necessariamente un ente finito, in contrapposizione con la tradizione cristiana.