Spazio Nero-Avorio

C’è un universo nascosto nei contrari e negli opposti; esso si svela nel moto dell’accorgersi e diventa tutto d’un tratto meraviglia.
Ci siamo persi nel semplicistico e nelle parole usate a caso, ci siamo immersi in programmi assurdi che non ci attrezzano al nuovo e al miracolo. Ci siamo confusi e dispersi nelle trame delle parole.
Se è vero il vero, lo è anche il suo contrario… Monia nel meraviglioso mondo delle contraddizioni.

Monia Zanon

Monia Zanon

69. LA VIA DA TROVARE

Credo sia finita l’epoca dell’identificazione in una religione. Vorrei condividere un messaggio di “corrispondenza cosmica”, come mi piace chiamarla, arrivato durante il seminario di “Collegamento col Sé” tenuto da me e il mio compagno lo scorso sabato a Jesolo, Venezia.

Nel ringraziare chi ha voluto ancora una volta viaggiare con me, saluto ed onoro il ricercatore silenzioso che sta in ognuno di noi, con l’augurio che trovi la sua via.

Scostati da ciò che non ti somiglia; cogli l’utile.
Sollevati dalle abitudini che sono scambiate per fede.
Slancia in avanti il tuo passo e percorri le vie del cambiamento, della voglia di cercare e volere nella propria vita il “buono” e il “santo”. Vie queste nelle quali si fanno pochi incontri, certo, ma quei pochi sono speciali.
Vie battute da quei maestri che ne hanno per primi scorto l’esistenza, per poi, come percorsi esclusivi di chi si deve accorgere, rinchiudersi e scomparire, celandone il passaggio nel tempo… per chi vorrà cercare.
Edere e rovi sono cresciuti al di qua di esse…
Ora quella via è divenuta solamente territorio di scoperta dei coraggiosi, degli impavidi, o di coloro che, definiti pazzi, galleggiano sopra le miserie della gente.
Col sole in fronte!”
(Guida spirituale)

12/12/11
69. LA VIA DA TROVARE

Commenta l'articolo tramite e-mail

Messaggio (max 2000 caratteri)Tutti i campi sono obbligatori. L'e-mail non sarà pubblicata

Commenta l'articolo tramite Facebook