Attacchi di panico

La cruda realtà degli attacchi di panico mette a nudo l’intera nostra personalità; ci sconvolge emotivamente e fisicamente, e ci dimostra quanto siamo vulnerabili verso questo tipo di malessere, la cui origine e cura sono tuttora incerti.

Molto è stato ormai detto e scritto a tal riguardo e ciò nonostante, questa subdola forma di malessere psico-fisico continua a mietere vittime e ad imperversare indisturbata con una sempre maggiore frequenza. Cosa fare dunque? A chi rivolgersi? Come agire proprio nel momento in cui ci si sente minacciati e si sta male davvero e ci si sente svenire, con le vertigini e il buio negli occhi, senza forza né energia, con la paura che chiude la gola e obnubila i pensieri e la pressione che aumenta o diminuisce a dismisura e ci sembra di vivere in un’assurda realtà?

Io stesso posso affermare di conoscere molto bene il “modus operandi“ degli attacchi di panico per averli vissuti in prima persona e di essere riuscito a sconfiggerli continuando un cammino gnostico che avevo iniziato già molti anni prima riguardo temi eterni come la ricerca della salute, della felicità, della armonia e pace interiore. Studi che si sono rivelati essenziali per la risoluzione di questo problema, e certamente applicabili anche per: depressione, ansia, stress, impotenza, mancanza di autostima, cali energetici, problemi posturali e molto altro ancora… insomma molto di quanto riguarda la nostra sfera fisica emotiva e spirituale.

Le tecniche e gli studi approfonditi vanno dalla preghiera al Qi Gong dalle tecniche di respirazione dei maestri tibetani, dal Tai Chi al Tuina massage, alle dinamiche mentali in onde alfa (delle quali ancora pochissimi si occupano), alle enormi potenzialità del nostro subconscio, al canto o meglio, al Bel Canto, aimudra. Un discorso di lungo respiro, dunque, che abbraccia tutte queste discipline messe insieme ed unite “ad hoc” al fine di riscoprire realmente le potenzialità in noi latenti e le sorgenti di vita nascoste nel più intimo.

Credo assolutamente nell’azione personale per attivare tutto ciò in questa disciplina che “dà potere“, consapevolezza, forza non solo interiore, e armonizza tutto il nostro essere. Sempre partendo da noi stessi, affrontando, non evitando il nemico, qualunque esso sia, sul campo di battaglia, consapevoli della propria forza. Le persone che le metteranno in pratica si arricchiranno di un patrimonio enorme che ci è stato tramandato da millenni e che a loro volta potranno divulgare per il benestare del loro prossimo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Lascia un commento con Facebook

Torna su