fbpx

Chakra, danza ed emozioni

Laura Villa, intervistata sul tema dei chakra, ci racconta della sua esperienza con la danza, una disciplina che attraverso il corpo ristabilisce il contatto con le emozioni e che, quindi, permette di lavorare sui vari livelli energetici.

– Laura, cosa ci può dire sui chakra?

Esistono varie scuole che seguono un sistema basato su pochi o molti chakra. Si va da un numero di sette fino a un qualche centinaio. Ichakra esistono sicuramente ma ciò dipende anche dal modo in cui ci crediamo, come accade in fondo per tutte le cose. Quindi se si è convinti che esistono settechakra, si sarà predisposti a sentire sette chakra. Le credenze svolgono un ruolo importante in quello che poi ci aspettiamo e scopriamo nella realtà.

– Cosa intende con “sentire i chakra”?

Intendo percepirli in quanto centri energetici; se ne può sentire l’influenza, e anche in sede di terapia si avvertono tutta una serie di effetti fisici e sensazioni. Esistono certamente in qualità di centri energetici e di punti di riferimento per determinati fenomeni, ma quale sia la teoria esatta che li descrive in modo completo, non saprei.

– Lei ha scelto di seguire una teoria in particolare?

Personalmente, in passato ho lavorato sul sistema dei sette chakra, e penso che sia il più diffuso quantomeno qui in occidente. Ho fatto un lavoro di tipo psicocorporeo, in particolare con la danza in relazione allo sviluppo delle emozioni: un percorso estremamente interessante ed efficace per molti versi, e che definirei anche sorprendente.

– Può chiarire meglio la connessione tra danza e chakra?

Determinati movimenti della danza sono assecondati e condotti naturalmente da determinati tipi di musica, e dato che al movimento sono associate tutta una serie di emozioni allora è possibile lavorare sui chakra corrispondenti…

Con riferimento al sistema dei chakra più in uso, il primo chakra è legato alle energie della terra… lavorando con musiche di tamburi, con ritmi “terreni”, materiali e pieni, si attiva un tipo di movimento che riporta al centro del corpo; si lavora molto sulle gambe, sui piedi e sul bacino, per attivare tutta l’energia della parte bassa del corpo che è quella regolata appunto dal primo chakra.

Un altro esempio: il quarto chakra è riferito al cuore, alla sensibilità, alla capacità di aprirsi… musiche di carattere più trascendentale, dolci e melodiche,inducono un’apertura anche nel movimento, portando ad aprire le braccia e a sciogliere il respiro, e quindi stimolano ed armonizzano sensazioni di maggiore percezione e sensibilità, correlate con la zona del petto dove si fanno corrispondere le energie del quarto chakra. 

Ricapitolando, la danza porta equilibrio tra i vari livelli energetici e in particolare equilibra le emozioni che sono governate da un dato chakra. Si pensi che la “malattia” relativa al primo chakra è la paura, un’emozione che contrae e pone dei limiti, e via via per ogni chakra vi sono certi aspetti e sensazioni sui quali è possibile intervenire attraverso questi percorsi di musica e danza

– Ha un chakra preferito o che la riguarda in modo particolare?

Probabilmente il primo, che per me è stato forse quello più difficile da scoprire e integrare; infatti diversi anni fa, all’inizio del mio percorso, ero abbastanza lontana dal corpo invece il primo chakra è proprio quello che ti porta completamente dentro la materia, dentro le tue radici. Tutti gli altri chakra, senza il primo, rimangono privi della “base”..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Lascia un commento con Facebook

Torna su