fbpx

Indaco – l’evoluzione del pensiero

Mente non è sinonimo di processi lineari né di quantità di pensieri. La sua natura, invece, è quella della lucidità interiore, dell’intuito e della conoscenza diretta… a patto che la frequenza del terzo occhio, il centro di coscienza associato al piano mentale, sia quella Indaco…

La mente è uno dei nostri più potenti strumenti. Le strabilianti capacità della mente hanno assicurato a molti della nostra specie un livello straordinariamente elevato di sfarzo e sicurezza. Ultimamente giungono, però, segnali sempre più forti che queste applicazioni del pensiero hanno raggiunto un limite. L’abilità della nostra mente di preservarci dal pericolo, sostenerci nella ricerca di cibo, riparo e calore ha perso significato. È passato molto tempo da quando solo alcune specie si trovavano in pericolo per le nostre strategie di sopravvivenza vincenti. Ora, queste minacciano l’intero pianeta, e con esso la nostra stessa esistenza.

Molti di noi lo vedono chiaramente, eppure si sentono impotenti. La nostra brama di sicurezza e lusso è troppo forte. Gli sforzi necessari per promuovere un cambiamento sembrano senza speranza; le cause e le concause che hanno prodotto questa situazione sembrano essere troppo complesse. Contemporaneamente, sempre più persone divengono consapevoli della propria realtà interiore e comprendono che è necessaria una trasformazione in ciascuno di noi perché un cambiamento sia possibile. Ascoltiamo noi stessi e ci rendiamo conto di come il caos del nostro pianeta si riflette in un analogo caos interiore: autostrade per il pensiero, fiumi tossici di sentimenti, sistemi anti-missile per le emozioni.

La mente, servo fedele e nostro più importante strumento, è diventata un tiranno; i suoi mutevoli umori, insistenze, paure ed idee ridicole ci tengono saldamente in scacco. Il paradiso in terra, che abbiamo desiderato costruire con l’ausilio della nostra mente, sembra un miraggio, sempre sospeso sopra l’orizzonte, a dispetto di quanto corriamo veloce e di quanto andiamo lontano.

Sempre più persone percepiscono che questo stato di cose non è sano. Quando chiudono gli occhi in cerca di pace, tutto ciò che trovano è una mente nervosa e senza riposo, occupata con cose di poco conto. Al più, imparano una tecnica di meditazione che consente loro alcuni momenti di pace; una breve pausa prima che il carosello cominci nuovamente.

Conoscenza = Razionalità?

Il rapido sviluppo delle nostre capacità cognitive ha drammaticamente mutato la nostra percezione del mondo, della realtà. Diciamo che sapere è potere; la nostra conoscenza ci ha in effetti resi progressivamente più potenti. Abbiamo sviluppato un sempre maggior potere di vita e di morte e soggiogato la natura; questo è il genere di potere che la conoscenza ci ha portato. Cosa intendiamo, quindi, quando parliamo di conoscenza? Ogni applicazione della mente, ogni bit di conoscenza, conducono necessariamente a questo genere di potere?

Nella nostra cultura, conoscenza è quasi divenuto sinonimo di razionalità- fatti, argomenti logici, prove e scoperte scientifiche. Più la nostra civiltà ha accumulato questa forma di conoscenza e l’ha resa disponibile al vasto pubblico, più la conoscenza irrazionale è stata repressa. Le forme di conoscenza irrazionale sono comprensioni che possono essere colte solo nella loro esistenza nel momento presente; “è”, quindi “è vero”, potrebbe essere un modo di esprimere il principio della conoscenza irrazionale. Le forme di conoscenza irrazionale hanno causato in noi paura per lungo tempo, perché sono completamente incontrollabili, indecifrabili e imprevedibili. Sono, per definizione, un mistero. Non ci danno potere, mentre piuttosto dimostrano la nostra mancanza di potere.

Ciò nonostante, negli ultimi anni le forme di conoscenza irrazionale hanno ricevuto una crescente attenzione, curiosamente anche dall’establishment scientifico. Molti esperimenti, per ora etichettati come “esoterici” ricadono in questa categoria. L’intuizione appartiene a questa categoria, proprio come la saggezza, che è una profonda espressione della conoscenza irrazionale. Credo che stiamo progressivamente aprendo queste aree, sebbene l’irrazionale crei paura, perché sentiamo nel profondo che ci occorre questa forma di conoscenza per rimanere mentalmente sani. Limitarci ad interconnessioni meramente seriali, logico-razionali, riduce determinate capacità.

Leggiamo, con stupore, notizie di aborigeni che, senza alcun aiuto tecnologico o un’educazione scolastica per come la intendiamo noi, possono comunicare gli uni gli altri a grandi distanze. Siamo egualmente stupiti quando, chiedendo a donne di culture primitive come fanno a sapere quando i loro bambini devono andare di corpo e tenerli lontano dal proprio, loro ci guardano con stupore, pensando che abbiamo perso i nostri sensi e dicono: “Ma lo sanno tutti.”

Nelle cosiddette culture sviluppate, siamo piuttosto primitivi rispetto a questi aspetti. Molti di noi hanno perso l’accesso al proprio intuito molto tempo fa. La saggezza è un bene sviluppato di rado, nonostante un sistema educativo gigantesco.

Una conoscenza antica

Un’antica conoscenza del potere e del naturale potenziale della mente umana è stata tramandata nella tradizione dei Maya, nell’attuale Messico. È possibile oggi trovare diverse correnti della tradizione dei “curanderos” – i tradizionali guaritori messicani. Alcuni lavorano con ausili materiali, come candele, uova o con la tecnica delle macchie. Questa è la forma più conosciuta di curanderismo. Altri curanderos (guaritori tradizionali) lavorano con gli spiriti; si connettono con le anime di persone che si sono spostate tra gli esseri non incarnati per promuovere la guarigione o il cambiamento. Anche questa forma di curanderismo è ben conosciuta.

Una terza forma di guarigione tradizionale, meno conosciuta, è quella dei guaritori che lavorano direttamente sul piano mentale. Essi creano il cambiamento solo attraverso il potere dei loro pensieri. Questa tradizione è fuori del comune e gelosamente protetta, in quanto le conoscenze che custodisce sono incomparabili ed immensamente potenti.

Ciò nonostante, una linea di questa tradizione ha deciso di rendere disponibile la conoscenza custodita. I maestri di questa linea hanno visto le possibilità che ciò potrebbe aprire ed hanno compreso l’immenso bisogno della nostra civiltà per questa conoscenza. Gli insegnamenti trasmessi con questa conoscenza sono definiti gli insegnamenti Indaco.

Secondo gli insegnamenti Indaco, i sintomi riscontrati sono strettamente connessi con un deficit di potere, che i curanderos chiamano potere Indaco. Per la precisione, non si tratta esattamente di un deficit di potere ma piuttosto di un’incapacità di connettersi alle frequenze indaco.

La frequenza Indaco

Secondo gli insegnamenti dei Maya, la frequenza indaco è il livello di vibrazione ove i pensieri si formano, ove accadono le interazione tra essi, ove la loro essenza diviene realtà. Per una comprensione seppur remota di cosa ciò significa, occorre comprendere chiaramente che i pensieri che si formano alle frequenze Indaco hanno poco a che fare con i pensieri per come li conosciamo. I pensieri Indaco si formano in modo non-verbale e non-lineare. Essi sorgono dalla pura energia, dando origine a forme e vibrazioni che si relazionano direttamente con ciò che è. Secondo gli insegnamenti Indaco, in accordo con gli insegnamenti Veda dell’India, la frequenza Indaco è associata con il terzo occhio. Questo centro energetico è descritto da molte tradizioni mistiche in tutto il mondo. Ad esso sono associati poteri quasi magici.

Da un lato si ha accesso alla percezione cosciente dei fenomeni sottili, dall’altro l’abilità di influenzare la realtà attraverso il potere del pensiero. Tutti i bambini pensano molto intensamente alle cose, sperando così di trasformare in realtà il pensiero; raramente hanno successo. Negli anni passati si è discusso e scritto molto riguardo al potere del pensiero; pensiero positivo, messaggi subliminali o il potere della preghiera sono solo alcuni esempi dei diversi modi con i quali abbiamo tentato di accedere al potere inutilizzato dei nostri pensieri. Per quanto sentiamo la verità di questo potenziale, i risultati di questi metodi spesso hanno deluso le nostre aspettative, né hanno raggiunto il potenziale che intuitivamente sentiamo possibile. Siamo rimasti con la sensazione di non essere riusciti ad afferrare il concetto o di non essere in possesso di tutti i pezzi del puzzle.

Secondo gli insegnamenti indaco, ciò dipende dal fatto che il nostro terzo occhio non é stato attivato; anziché vibrare alle frequenze Indaco questo chakra vibra spesso alla frequenza di ciò che associamo all’intelletto, la frequenza del giallo.  Il risultato è una “mentalizzazione”, un fenomeno assai diffuso nella nostra cultura che si manifesta in una varietà di sintomi. La frequenza del giallo ha il potenziale di darci chiarezza, ma solo se attivo nel suo chakra associato, il plesso solare, il centro dell’intuizione. Nel terzo occhio, la frequenza del giallo induce una spirale senza fine di pensieri verbali-seriali che possono combinarsi in un vero e proprio labirinto di pensieri. Nel caso peggiore, diveniamo incapaci di prendere decisioni, anche se, o addirittura perché, abbiamo accumulato tanta conoscenza. S’alternano catene senza fine di argomentazioni in entrambe le direzioni, mentre l’originale capacità del piano mentale di vedere, differenziare e creare con chiarezza è da tempo perduta.

Guarire il piano mentale

Molti secoli fa, i Maya hanno studiato le connessioni tra il pensiero e la materia; hanno sviluppato un metodo per mezzo del quale è possibile avere accesso al potere naturale del pensiero e svilupparlo. Questi insegnamenti riguardano la maestria del nostro potere mentale e l’evoluzione del pensiero in un potere energetico.

Il piano mentale è purificato, guarito e rafforzato attraverso una combinazione di potenti iniziazioni e conoscenze. Al potere della frequenza giallo del chiaro intelletto è data la sua propria collocazione nel sistema e viene attivato il potere della frequenza Indaco del terzo occhio. Gli insegnamenti formano l’essenza del puro pensiero, nella forma di colore (frequenza) e geometria (struttura), come si trattasse di un nuovo vocabolario per pensiero; in tal modo, esso è potenziato nel creare energia in forma astratta, libero da spirali verbali e lineari. Quest’energia ha la capacità d’interagire con il mondo in termini chiari ed olistici, trasformando così profondamente la nostra esperienza della realtà.

Un corpo mentale guarito possiede chiarezza e flessibilità. Chiarezza e saggezza si sviluppano in egual misura, proprio come il potere dell’intuizione e della percezione. La saggezza del livello Indaco “sa”, non esistono contraddizioni; ciò che è, è vero. Conseguentemente, il potere sugli altri e la necessità di avere ragione sono questioni che perdono ogni rilievo. I poteri Indaco sono utilizzati per allineare il nostro intero sistema con la nostra chiarezza intuitiva, così che manifestazione e realtà fluiscono naturalmente l’una nell’altra.

Ora, per la prima volta, gli insegnamenti Indaco sono trasmessi con lo scopo di addestrare il corpo mentale. Gli insegnamenti Indaco non si possono apprendere da un libro, ma solo una diretta iniziazione in quanto si tratta di una conoscenza non-verbale, non-seriale.

Per approfondimenti: www.i-n-d-i-g-o.net.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Lascia un commento con Facebook

Torna su