fbpx

Il Mandala della Felicità nel tema natale

In astrologia, il tema natale di ogni persona mostra la chiave per accedere alla propria realizzazione interiore: ecco che il disegno simbolico rappresentato dal tema natale può diventare un vero e proprio “Mandala della Felicità”…

.

“Oh Uomo, conosci te stesso: in te si trova occulto il Tesoro degli Dei”. (Oracolo di Delfi)

L’astrologia lungo l’arco della sua storia millenaria, iniziata 6000 anni fa, è stata celebrata, rispettata, temuta, bistrattata, screditata. Pur assumendo le più disparate finalità, da quella divinatoria-oracolare fino a quella prettamente psicologica, è rimasta eternamente fedele allo strumento nel quale si fonde e si sintetizza tutto il suo sapere: il tema natale.

Che cos’è un tema natale? Un tema natale è prima di tutto un disegno, che si crea in relazione al momento e al luogo preciso in cui un essere umano inspira per la prima volta. Il tema natale rappresenta un’istantanea, una fotografia bidimensionale di come quell’essere umano vedrebbe la disposizione dei pianeti del Sistema Solare dalla precisa posizione in cui si è trovato all’istante della nascita.

Se “ciò che è in basso è come ciò che è in alto”, come scritto nella tavola smeraldina secoli prima di Cristo (e oggi confermato dalle “scoperte” junghiane), allora si può affermare che la disposizione celeste degli undici astri “rispecchia” la disposizione interiore delle diverse energie che compongono la psiche dell’individuo. Il tema natale viene, infatti, elaborato a partire dal momento del primo respiro del neonato, poiché quello è l’istante preciso in cui egli, senza più subire l’influenza materna, comincia autonomamente a scambiare energia con l’Universo, stabilendo il suo personale accordo con esso.

Se “essere felici” vuol dire riuscire a rendere feconda e produttiva la propria natura, interpretando il tema natale possiamo conoscere noi stessi, fino a scoprire dove è nascosta la chiave per accedere alla felicità interiore.

La nostra natura è racchiusa in uno scrigno che, se da un lato tenta di proteggerla da tutti i condizionamenti esterni per mantenerla integra, dall’altro la occulta al nostro sguardo. Quando osserviamo noi stessi, o gli eventi che accadono nella nostra vita, con gli occhi limitati della coscienza, ci è impossibile conciliare le diverse parti di cui siamo composti o cogliere il significato profondo delle situazioni che stiamo vivendo.

Il tema natale ci permette di scoprire dove risiede la nostra felicità, perché ci aiuta a comprendere dove si trova il nostro centro unificatore: il Sé. Quel nucleo attraverso cui, ricontattandolo, è possibile sciogliere i blocchi energetici, mettere nuovamente in collegamento ciò che è stato diviso, armonizzare ciò che viene percepito come opposto e inconciliabile.

Il tema natale, un “elementare” disegno circolare, rappresenta un simbolo supremo di completezza: il Mandala della nostra psiche. “Mandala” significa, infatti, “possedere l’essenza”.

In questa prospettiva, iniziare un percorso di coaching astrologico permette di imparare a osservare, a “sentire” e ad interiorizzare il tema natale, e di trasformare un semplice segno grafico – apparentemente privo di senso – nel nostro, personale, “Mandala della Felicità”.

Danilo Talarico

 

N.B. Per saperne di più sul “Mandala della Felicità”, partecipa alla serata che Danilo Talarico terrà in Libreria Esoterica a Milano (Gall. Unione 1, ang. Piazza Missori) martedì 15 ottobre alle ore 19. Ingresso Gratuito. Dettagli a questo link.

Inoltre, se durante questa serata vuoi già avere indicazioni più precise sul tuo tema natale e sul tuo Mandala della Felicità, manda con almeno tre giorni di anticipo i tuoi dati di nascita completi (nome, luogo di nascita, data e orario) all’autore a questo indirizzo e-mail: [email protected]

In ogni caso, se ti è possibile, porta con te il tuo tema natale durante la serata: potrai fare domande e interagire con l’autore per saperne di più sulle tue caratteristiche astrologiche.

 .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Lascia un commento con Facebook

Torna su