fbpx

Cura i tumori con i succhi di frutta e verdura

Dai tumori si può guarire riducendo i carboidrati e assumendo grandi quantità di succhi di frutta e verdura. Lo afferma Paolo Rege-Gianas, neurologo italiano, che cura i suoi pazienti con l’alimentazione. 

 

Un nuovo modo di combattere i tumori. Sì, certo, avete letto bene, sembra che si possano far regredire i carcinomi. A presentare questo nuovo metodo che sta avendo successo è il noto neurologo garbagnatese Paolo Rege-Gianas, attivo nella Asl 1 dal 1976 al 2012.

“Adesso con Internet sono facili i rapporti – spiega il neurologo – e sto portando in rete la mia terapia. Ho constatato la regressione dei tumori con un drastico cambio dell’alimentazione”. Si può guarire da tumori maligni fino a oggi incurabili? Il medico racconta casi emblematici.

“Sugli oblastomi (tumori cerebrali) di quarto grado a cui nessuno è scampato c’è stato un riscontro, una grande risposta a queste cure. La gente ha fatto una catena e ora moltissimi mi chiedono un appuntamento. Tutto iniziò quanto tempo fa mi invitarono in Francia: lessi dell’assunzione di succhi di frutta e verdura, io ho provato e sono ringiovanito. Ho quasi 70 anni e ho ricominciato ad avere energia da scalare le montagne e più nessuna malattia”.

“Ricerche sui mitocondri indicano che la nutrizione del tumore è più veloce di quella dell’individuo che lo ospita. La glicolisi del glicogeno avviene con una velocità 200 volte superiore, dice Warburg. Così la cosa è stata sfruttata a livello terapeutico. Ho creato una dieta di succhi di verdura e frutta con un estrattore e ho ridotto il contenuto di carboidrati – spiega il medico – , non è questione di qualità particolari ma è importante ciò che non metto dentro i succhi”.

Appurato dalla scienza che la glicolisi su cui si fonda la crescita del tumore è più veloce del resto del corpo, che cosa succede?

“Che, se le scorte di glicogeno si esauriscono nel fegato e nei muscoli, il tumore non sa come nutrirsi. Si instaura così una lotta tra ospite e tumore nella quale se io non alimento più il tumore questi soccombe. Nel frattempo l’ospite che ha mangiato verdura e frutta è un po’ affamato, ma guarisce“.

“Il primo paziente giunto alla mia attenzione è stato portato a nutrirsi solo di succhi da suo figlio e dopo un anno il tumore era scomparso (la storia: http://www.niclapress.com/blog/il-cancro-e-sparito-e-mio-padre-ora-sta-bene/). Vale anche per tumori cerebrali maligni che portano a morte in soli cinque mesi qualsiasi cosa si faccia. Tutto ciò è assolutamente documentato, si possono consultare esami e cartelle cliniche, Tac, che evidenziano metastasi che sono sparite“.

“Chi vuole vedere i documenti mi può contattare. Per ora non ci sono riviste scientifiche ma solo documenti disponibili a chiunque. Le persone che erano malate sono lì, hanno un nome, cognome e indirizzo”.

Si potrebbe dire che sono fantasie. Ma solo fino al momento in cui vediamo che funzionano. “Io non voglio fare miracoli – conclude il medico – dico solo di provare, non si somministrano medicine nuove o strane. Ben vengano giovani che mi volessero aiutare”.

 

  

 

Autore dell’articolo: Alfredo Draicchio, tratto dal giornale Settegiorni

Fonte:  newapocalypse.altervista.org

 .

3 commenti su “Cura i tumori con i succhi di frutta e verdura”

  1. Massimiliano Diaco

    buongiorno, visto che si fa riferimento alla guarigione di mio padre, attraverso una metodologia differente da quella che sta usando il dott rege-gianas, sarebbe ottimo se chiedeste anche un mio parere su quale è stato il percorso di guarigione. sappiate che il percorso di guarigione che ha fatto mio padre è quello di Robert O. Young ” il miracolo del ph alcalino”. vorrei solo che si evitasse la confusione, la metodologia di guarigione utilizzata è completamente differente.

  2. Grazie a persone come lei anche in Italia la terapia Gerson stá cominciando a contrastare la MU che nulla fa che non ingrassare le che farmaceutiche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Lascia un commento con Facebook

Torna su