fbpx

Cercare la luce dentro di noi

 

Incontro con Manuela Racci (Convegno “L’Uomo Multidimensionale”, Bellaria 2013).

Tra gli argomenti:

La libroterapia (“terapia con i libri”) permette di “curare” le persone cioè di aiutarle nel riappropriarsi del loro sé divino.

Gli altri ci fanno da specchio, sono proiezione del nostro demone interiore. Il lato oscuro, l’ombra, non va demonizzato, perché ci indica la direzione della luce.

Anche se abbiamo visto la luce, gli attacchi dall’ombra continuano ad arrivare, allora bisogna vederli come dei doni mascherati poiché ci chiedono di illuminare, di continuare a buttar luce su ogni parte di noi.

L’amore è accettazione e apertura del cuore, ed è la via attraverso cui chiamiamo la luce.

Dentro di noi abbiamo già tutto, abbiamo la guida interiore, la parte divina che simbolicamente è la parte femminile, “colei” che ti trascina verso l’altro. Ascoltare la propria voce interiore significa centrarsi, fare il viaggio verso la luce. Un maestro indica la via, ci dà uno scossone, ma il “lavoro” è solamente personale.

Nel mito di Er, Platone ci parla della reincarnazione. Il mito narra di un soldato armeno di nome Er, considerato morto e disteso su una pira per essere bruciato. Ma lui in realtà sta facendo un viaggio in un’altra dimensione, quindi si risveglia quando ritorna da questo viaggio. Platone parla di un altro piano dell’essere, il “mondo delle idee” che è aldilà.

La vita giusta è la vita all’insegna del servizio, dell’amore incondizionato.

Prima di incarnarsi, le anime bevono l’acqua dell’oblio dal fiume della dimenticanza. Bisogna dimenticare, altrimenti l’anima saprebbe tutto e non potrebbe cominciare a ricordare e a risvegliarsi.

 .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Lascia un commento con Facebook

Torna su