fbpx

I Caffè delle Riparazioni

I “Caffè delle Riparazioni” sono bar dove ci si incontra per riparare gratuitamente gli oggetti insieme alle altre persone, imparando il valore della condivisione e del riciclo, tra una bevanda e l’altra…

 

Si stanno diffondendo in tutto il mondo i “Caffè delle Riparazioni“, dopo i primi che sono stati aperti ad Amsterdam qualche anno fa.

Nei Caffè delle Riparazioni è possibile portare qualsiasi oggetto – abiti, giocattoli, piccoli elettrodomestici, biciclette e così via – che necessiti di essere riparato: le persone presenti sul luogo, tutte volontarie, ci aiuteranno a ridargli nuova vita in modo gratuito, grazie alle attrezzature rese già disponibili nel locale.

E, se non abbiamo niente da riparare, possiamo comunque goderci una tazza di caffè, aiutare qualcun altro con le sue riparazioni o consultare i numerosi manuali dedicati al fai-da-te.

Caffè delle riparazioniTutto ebbe inizio quando la signora Martine Postma decise di dare al suo quartiere di Amsterdam un luogo dove potersi incontrare con gli altri e trarne aiuto per riparare e riciclare gli oggetti; quindi, dopo aver fondato la Repair Café Foundation, nel 2009 ha dato vita al primo Caffè delle Riparazioni.

Da allora i Caffè delle Riparazioni si stanno diffondendo in tutto il mondo, e ce n’è qualcuno anche in Italia: a San Michele (BZ), a Pavia e a Roma, per non contare le tante altre simili iniziative.

Spesso buttiamo gli oggetti perché si sono rotti, non sappiamo come ripararli oppure come farlo a costi contenuti. Imparare ad aggiustare gli oggetti difettosi e farlo con l’aiuto degli altri è un modo per rispondere all’abitudine consumistica “usa-e-getta” dei tempi moderni, ma è anche l’occasione per relazionarci con le persone in una modalità costruttiva e, perché no, divertente. Ci auguriamo che questo tipo di iniziative continui a crescere!

Redazione Anima.TV

 

Fonte: repaircafe.org/en

Credits Img1 Img2 Img3 Img 4.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Lascia un commento con Facebook

Torna su