fbpx

in Danimarca a scuola si impara l’empatia

Nelle scuole in Danimarca, la nazione con i livelli di felicità più alti del pianeta, l’empatia è al centro dei programmi scolastici…

 

Contrariamente alla credenza popolare, la maggior parte delle persone si preoccupano del benessere degli altri. Dal punto di vista evolutivo, l’empatia è un prezioso impulso che aiuta gli esseri umani a sopravvivere in gruppo. Nelle scuole americane, questo impulso è rimasto dormiente per una mancanza di attenzione. Ma in Danimarca, un paese che è stato più volte considerato fra i più felici al mondo, ai bambini viene insegnata l’empatia fin dalla più giovane età, sia all’interno sia all’esterno dell’aula scolastica.

Nel sistema scolastico danese i bambini partecipano a un programma nazionale obbligatorio chiamato Step by Step già dall’età prescolare. Ai bambini vengono mostrate foto di altri bambini dove ciascuno mostra un’emozione diversa: tristezza, paura, rabbia, frustrazione, felicità, e così via. Gli studenti discutono di queste immagini e traducono a parole ciò che il bambino nella foto mostra di percepire, imparando così a concettualizzare le proprie e altrui emozioni. In questo modo imparano l’empatia, il problem-solving, l’autocontrollo, e come leggere le espressioni facciali. Una parte essenziale del programma è che i facilitatori e i bambini non giudicano le emozioni che vedono, ma semplicemente le riconoscono e le rispettano.

Un altro programma, sempre più popolare, si chiama CAT-kit. Questo programma è volto a migliorare la comprensione e l’empatia emotiva e si concentra su come articolare le esperienze, i pensieri, i sentimenti e i sensi. Gli strumenti del CAT-kit comprendono carte con immagini di volti, bastoncini per misurare l’intensità delle emozioni, e immagini del corpo, su cui i partecipanti possono disegnare e rappresentare gli aspetti fisici delle emozioni. Un altro strumento è chiamato My Circle: i bambini disegnano i loro amici, familiari, professionisti e stranieri in diverse zone di un cerchio, come parte di un esercizio per imparare a capire meglio gli altri.

Anche la Denmark’s Mary Foundation – che prende il nome dalla loro principessa che presto sarà incoronata regina – ha contribuito alla formazione dell’empatia nelle scuole. Si tratta di un programma anti-bullismo, implementato in tutto il paese, che incoraggia i bambini dai 3 agli 8 anni ad affrontare argomenti relativi al bullismo e al prendere in giro gli altri, per imparare a diventare più attenti verso i sentimenti altrui. Ci sono stati risultati così potitivi che oltre il 98 per cento degli insegnanti raccomanda questo programma a tutte le istituzioni.

Le persone di successo non agiscono da sole

Un altro esempio, meno evidente, riguardante l’insegnamento dell’empatia nelle scuole danesi, è nel modo in cui sottilmente e gradualmente si mescolano i bambini di diverse “forze” e “debolezze” insieme. Gli studenti che dal punto di vista accademico sono più forti vengono istruiti insieme a quelli che sono meno forti; i bambini più timidi con quelli più socievoli; e così via. L’obiettivo per gli studenti è vedere che tutti hanno qualità positive e di sostenersi a vicenda nei loro sforzi per raggiungere il livello successivo. Il mago della matematica può essere terribile a calcio, e viceversa. Questo sistema promuove la collaborazione, il lavoro di squadra, e il rispetto.

Gli studi dimostrano che questo sistema di insegnamento interattivo comporta una ripida curva di apprendimento. Gli studenti che insegnano agli altri a lavorare di più per comprendere il materiale, poi lo ricordano in modo più preciso e lo utilizzano in modo più efficace. Ma devono anche cercare di capire il punto di vista degli altri studenti in modo che possano aiutarli dove stanno avendo problemi. La capacità di spiegare argomenti complicati a un altro studente non è un compito facile, ma è un’abilità di vita preziosa. La ricerca dimostra che questo tipo di collaborazione e di empatia fornisce anche un profondo livello di soddisfazione e di felicità ai bambini; è interessante notare che il cervello delle persone in realtà registra più alti livelli di soddisfazione nel cooperare rispetto a quando vincono da sole.

Forse, allora, non è una sorpresa che l’empatia sia uno dei più importanti e singoli fattori che sostiene i dirigenti di successo, gli imprenditori, i manager e le imprese. Riduce il bullismo, aumenta la capacità di perdonare, e migliora notevolmente le relazioni e le interazioni sociali. L’empatia migliora la qualità delle relazioni significative e, come suggerisce la ricerca, è uno dei fattori più importanti per il senso di benessere di una persona. La ricerca suggerisce anche che gli adolescenti empatici tendono ad avere più successo perché sono più orientati agli obiettivi rispetto alle loro controparti più narcisistiche.

E, se ci pensate, tutto ha un senso. Le persone di successo non agiscono da sole; ogni essere umano ha bisogno del sostegno degli altri per raggiungere risultati positivi nella propria vita.

Redazione Anima.TV

Liberamente tradotto da: www.theatlantic.com

Credits Img

 .

1 commento su “in Danimarca a scuola si impara l’empatia”

  1. Semplicemente meraviglioso ed esemplare. Al contrario della nostra Italia, dove anche l’istruzione elementare è scarsa, in Danimarca non sfugge nulla e curano i dettagli sull’educazione minuziosamente. Complimenti a questo popolo corretto, umano e sovrano. Da seguire come esempio….

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Lascia un commento con Facebook

Torna su