fbpx

Lettere dalla Kirghisia

 

Silvano Agosti presenta il libro Lettere dalla Kirghisia edito da Arte di Essere (Milano, Libreria Gruppo Anima, 13 novembre 2015). Conferenza organizzata da Anima Eventi.

Silvano Agosti è un regista, sceneggiatore e scrittore italiano, autore di opere originalissime, attraverso le quali ha cercato di raccontare orrori e meraviglie della natura umana.

Libro-Kirghisia-Agosti

 

Perché nessun essere umano è mai riuscito a capire il proprio immenso valore? Perché tutti accettano di essere ridimensionati a una condizione piccola e insignificante?

Dov’è la Kirghisia? Si trova ovunque dentro di noi.

La disperazione consente alle persone di essere contro se stesse.

Qualsiasi rapporto d’amore non finisce mai, ma dura per tutta la vita.

A 17 anni, dopo essere scappato di casa, Silvano decide di seguire quattro regole e si dice:
– Non lavorerò mai più di due o tre ore al giorno, piuttosto muoio;
– Non umilierò mai una donna trasformandola in una moglie (né me stesso trasformandomi in un marito);
– Non penserò mai che lo Stato possa fare qualcosa a mio favore o che mi riguardi;
–  Adesso che sono libero, voglio essere il primo a vivere in modo tale che, se tutti vivessero come me, il mondo sarebbe un paradiso.

Il cinema e la creatività non devono essere soggetti alle regole dei soldi e dell’economia.

In Kirghisia nessuno lavora più di due o tre ore al giorno.

Il potere fa crescere le donne nella disistima di se stesse e per questo tendono a cercare l’amore al di fuori di sé e nell’illusione di poter amare un solo uomo invece che l’uomo in sé.

La “moglie” è una donna che cerca di isolarsi dall’amore per il mondo.

Se non ami qualsiasi cosa, partendo da te, allora non stai amando..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Lascia un commento con Facebook

Torna su