fbpx

8. Guardare in faccia la paura

 

Affrontiamo insieme alla dott.ssa Erica F. Poli questo periodo di emergenza durante il Coronavirus. Tra i videocorsi della dott.ssa Poli segnaliamo “EFP Therapy – Paura”, disponibile a questo link.

 

Questo è il video numero 8 di una serie di 14, dedicata al tema “Ben-Essere nell’emergenza”.

Vai al video 9

Ricomincia dal video 1

 

L’emozione che in questo momento sta circolando di più è quella della paura, legata non solo al contagio da Coronavirus, ma anche alle ripercussioni economiche e sociali del nostro ambiente.

Spesso cerchiamo di evitare di sentire ciò che temiamo, ma così facendo rischiamo di ingigantirlo.

Il mito racconta che guardando in faccia Medusa, ci si trasformasse in pietra. Medusa venne sconfitta riflettendo con uno scudo il suo sguardo verso essa stessa.

Possiamo affrontare la paura in un momento di trauma o urgenza facendolo in modo riflesso, cioè usando lo scudo delle nostre risorse e stabilizzando il campo; a quel punto, nel momento in cui arriva la paura, lasciamola libera di emergere e scopriremo che ci attraverserà per poi andare via.

In questo momento di incertezza e di tensione, cerchiamo i nostri scudi e poi guardiamo in faccia quello che ci sta facendo paura.

Possiamo scomporre la paura anche in piccole sotto-paure e affrontarle una alla volta.

Non possiamo prevedere cosa accadrà, ma possiamo stare presenti nell’incertezza e, quando arriva l’emozione della paura con la sua onda, lasciamo che ci attraversi. E dopo che sarà passata, scopriremo che noi siamo ancora lì.

*

Vuoi ricevere le novità di Anima.TV? Iscriviti alla newsletter qui: https://anima.tv/form-iscrizione-newsletter/

Vuoi aiutarci a darti di più? Scopri come sostenere il nostro progetto: https://anima.tv/come-sostenere-anima-tv/

Consulta il nostro Calendario Eventi qui: https://anima.tv/eventi/

Attenzione, per i commenti rispettare la Netiquette: https://anima.tv/netiquette/

Vieni a trovarci! Visita la nostra homepage: https://anima.tv/

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Lascia un commento con Facebook

Torna su