fbpx

Gli avvoltoi dei tuoi talenti

Il talento non ha segreti se non costanza, disciplina e impegno. Gli avvoltoi però la pensano diversamente. Sono convinti che se il tuo progetto è riuscito non è stato per merito tuo, ma grazie a un segreto ed è ciò che vengono a cercare di carpire… Articolo di Giulia Scandolara

 

Gli avvoltoi sono tutte quelle persone che, più o meno consapevolmente, rischiano di essere nocive per l’espressione e la vita del tuo talento. Ho dedicato alcune pagine del mio libro La misura del Talento proprio a questo tema, perché spesso sottovalutiamo gli invidiosi, i conoscenti che lusingano ma falsamente, tutti coloro che vogliono sapere “come abbiamo fatto” a realizzare un progetto, come se ci fosse un trucco.

Il talento non ha segreti se non costanza, disciplina e impegno, risorse queste che comunque ad esempio “non bastano” se abbiamo magari blocchi famigliari alle nostre spalle o se di fondo abbiamo paura di abitare il nostro posto (passaggi che sarebbe bene accettare come normali transizioni e senza giudizi). A maggior ragione davvero non esiste “la” strategia, “la” via, perché ognuno di noi avrà la propria da costruire.

Gli avvoltoi però la pensano diversamente. Sono convinti che se il tuo progetto è riuscito non è stato per merito tuo, per la tua Presenza, ma grazie a un segreto ed è ciò che vengono a cercare di carpire. Mantenere pulita la casa del talento significa soprattutto comprendere se le persone che ti circondano siano invidiose, giudicanti o meno dei tuoi successi. Se è vero che si invidia solo chi si stima, non va sottovalutata la potenza in negativo di questa emozione.

«[…] Siamo chiamati a prenderci la responsabilità dei nostri doni nel formarli e anche nel proteggerli […] Chi sono gli avvoltoi? Sono individui che […] hanno sostanzialmente due desideri: depredare e distruggere» spiego nel libro. «Ti possono copiare un progetto, rubare un’idea. Se dovesse accadere ricorda […] avrai altre idee, anche più interessanti, creerai cose ancora migliori, troverai il tuo posto. Ciò che conta però è che tu possa imparare a riconoscere chi, fra la sfera delle amicizie, il lavoro e le conoscenze, sia per te un avvoltoio e tenertene alla larga».

Una persona che invidia, che non comprende i propri doni e desidera piuttosto quelli altrui è solo un essere umano che soffre. Se questo ci aiuta ad essere compassionevoli, ciò non significa che possiamo abbassare la guardia e non prendere precauzioni. Prova a sentire con quali persone ti senti realmente libero, libera di condividere le tue idee. Se non ti percepisci al sicuro nel confidare i tuoi sogni più delicati, fermati ad ascoltare la sensazione che provi.

Se si tratta di un amico o un’amica a te molto cara, cosa fare? È infatti possibile che la competitività e la falsa lusinga partano da una persona a noi molto vicina. Se accade bisogna verificare nel tempo le nostre sensazioni. Ad esempio: come reagisce questa persona alle tue belle notizie? Quali sono i suoi commenti? Ti senti supportato, supportata oppure ti senti monitorato, monitorata nel tuo fare? Spesso le grandi amicizie finiscono in concomitanza della fioritura del tuo talento. Chi si lamenta e chi gioisce per il proprio cammino di crescita: difficilmente queste due persone possono stare insieme, anche se ci si vuole bene.

Gli avvoltoi «sono donne e uomini che vorrebbero una Ferrari senza possedere i soldi, il sudore, la fatica, il desiderio utili per acquistarla. Vorrebbero il successo senza impegno. Al contempo, visto che non è possibile avere una Ferrari senza possedere la cifra (la misura) del suo valore, hanno solo modo di invidiare chi ne possiede una. Nel nostro caso la Ferrari si chiama Talento […]».

Gli avvoltoi ci permettono di definire al meglio che tipo di compagni di viaggio desideriamo avere e quali no. Ci invitano indirettamente a cercare “le nostre persone”, quelle che non hanno paura della libertà presente nell’esprimersi attraverso il proprio fare. Perché in fondo la gioia che si vive nel talento è data proprio dal grado di libertà che ci concediamo, nell’andare verso l’amore di noi.

Giulia Scandolara

Autrice del libro La misura del Talento (Anima Edizioni)

 

Vuoi ricevere le novità di Anima.TV? Iscriviti alla newsletter qui: https://anima.tv/form-iscrizione-newsletter/

Vuoi aiutarci a darti di più? Scopri come sostenere il nostro progetto: https://anima.tv/come-sostenere-anima-tv/

Consulta il nostro Calendario Eventi qui: https://anima.tv/eventi/

Attenzione, per i commenti rispettare la Netiquette: https://anima.tv/netiquette/

Vieni a trovarci! Visita la nostra homepage: https://anima.tv/

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Lascia un commento con Facebook

Torna su