La potenza del corpo

 

Francesca Scarano presenta il libro La potenza del corpo – Risveglia l’opera d’arte che è in te e fai del mondo un capolavoro, disponibile in libreria o tramite web a questo link.

 

Francesca Scarano è psicologa, psicoterapeuta a orientamento bioenergetico, co-fondatrice e co-direttrice di ArsCorporea (centro di psicoterapia corporea integrata e crescita personale di Bergamo) e docente dell’Istituto di Psicologia Somatorelazionale di Milano. 

Questo libro è una guida alla scoperta di sé, corredata di laboratori di pratica psico-corporea e di consapevolezza per imparare ad ascoltare il corpo, comprendere se stessi, trasformare pensieri, emozioni e comportamenti bloccanti in un’opportunità di gioiosa evoluzione, portando alla luce l’opera d’arte assopita dentro di noi e facendo del mondo un capolavoro.

Nel momento in cui lavoriamo nel profondo per immergerci nell’identità essenziale che abita il nostro cuore, possiamo spostare il nostro funzionamento psicologico dall’ipereattività dell’amigdala (il sistema nervoso iperattivo che ci porta all’impulsività sul piano emozionale) al regno della coerenza del cuore, lo spazio di coscienza abitato dall’empatia, dalla compassione, dalla solidarietà e dalla gratitudine. Potremo allora sentirci pieni, autentici e connessi a tutta la nostra grazia ed energia vitale. 

Per accedere a questa meraviglia e raggiungere il senso più pieno ed elevato dell’esistenza, “la scintilla divina”, come la chiamano i mistici, è necessario sciogliere i blocchi della nostra corazza.

Wilhelm Reich, allievo di Freud, definì la corazza caratteriale come quel sistema di adattamento e protezione che, nel corso della nostra esistenza, abbiamo dovuto erigere affinché ci difendesse da emozioni troppo dolorose per noi. Il sistema psichico di un bambino non regge il dolore di un rifiuto, la rabbia dell’abbandono, o l’angoscia della solitudine. L’unica modalità che ha per sopravvivere, quindi, è quella di strutturare delle difese. Tutte le volte che è accaduto qualcosa che non riuscivamo a tollerare, abbiamo contratto parti del corpo e della nostra energia vitale rinunciando a una parte di noi, autentica ed essenziale. Reich raccontò come un giorno, durante una seduta, notò che il paziente, mentre raccontava un fatto che lo toccava profondamente, smise di respirare. Il medico gli disse: “Respira” e l’uomo scoppiò in un pianto liberatorio. Ecco come si trattengono le emozioni: trattenendo il respiro.

È importante accogliere il nostro bambino interiore, che si sente oppresso, fragile, spaventato e avvilito; solo tendendogli la mano e permettendogli di esprimere ciò che ha dovuto negare anche a se stesso, potremo liberarlo dalla sofferenza. Riconnettendoci al nostro sé più intimo e profondo, affioreranno parole, immagini, squarci di vita. Il corpo è lo specchio della nostra storia e può diventare lo strumento per risanare le ferite emotive; lì dove ci siamo ammalati, possiamo guarire, ritornando ad un livello di piena consapevolezza, deponendo le armi e lasciando andare i conflitti psicologici legati ai nostri blocchi per ristabilire l’armonia.

Il nostro cuore ha dentro di sé un piccolo sistema nervoso autonomo che può avere intuizioni, apprendere, perfino memorizzare esperienze senza coinvolgere la corteccia cerebrale. Il suo campo elettromagnetico produce delle frequenze energetiche che si estendono per circa tre metri condizionando le persone intorno a noi. Nel momento in cui bonificheremo il nostro territorio interiore da quelle reattività emozionali che ci fanno diventare aggressivi, disperati, addolorati o rancorosi, potremo vibrare con leggiadria sulle frequenze dell’amore, della gratitudine e della gentilezza influenzando positivamente anche gli altri. 

Esiste infatti un campo quantico, una rete di energia sottile, grazie alla quale siamo tutti interconnessi. Poiché siamo tutti interconnessi, possiamo cambiare un cuore alla volta partendo dal nostro.

Alexander Lowen, padre fondatore della psicoterapia bioenergetica, disse: “Gli organismi, i cuori, sono dei sistemi pulsanti che emanano onde che influenzano altri corpi, altri cuori, e l’anima è il sistema energetico che rende vitale ogni organismo.”

Lasciando andare pian piano condizionamenti che ci hanno portato a diventare, nel corso della nostra storia, qualcosa che non siamo per adattarci a qualcosa che non era funzionale per noi,  il gusto e il sapore della vita cambieranno completamente. Non si tratta di negare la realtà, ma di trascenderla: trasformare le proprie onde emotive, sentirle raggiungere il loro picco e poi tornare ad un oceano calmo. Ogni fatica, ogni ombra, diventa possibilità. 

Io non sono così impotente di fronte a tutto ciò che sta accadendo nella misura in cui io prendo consapevolezza che lavorando sul mio stato di coscienza individuale ed elevandolo posso aiutare lo spirito dell’umanità ad elevarsi. 

Jung diceva che guerre, pandemie, catastrofi non sono altro che la rappresentazione sul piano psichico del campo di coscienza collettivo. Noi siamo il mondo ed il mondo è noi.  Risvegliandoci, approdando nel nostro spazio puro e immacolato, quello con cui siamo venuti al mondo prima che la sofferenza lo intorpidisse, non proietteremo più la nostra negatività sugli altri, ma offriremo in dono pepite di bontà, luce e meraviglia.

 

Iscriviti alla nostra newsletter qui: https://anima.tv/form-iscrizione-newsletter/

Scopri le novità Anima Edizioni: https://anima.tv/novita-anima-edizioni/

Consulta il nostro Calendario Eventi qui: https://anima.tv/eventi/

Vieni a trovarci! Visita la nostra homepage: https://anima.tv/

Attenzione, per i commenti rispettare la Netiquette: https://anima.tv/netiquette-anima-tv/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Lascia un commento con Facebook

Torna su