fbpx

L’amore vince…

Raccontare l’amore, le sue sfaccettature e i suoi meandri, per testimoniare che l’amore vince… quando è adulto.

Vorrei un giorno trovarmi a scrivere che la coltre dell’amore è scesa su tutto il mondo come neve, nel silenzio che l’amore, a parer mio, richiede. Questo amore… in quanti hanno cercato di raccontarlo, compresa me.

Nel mio romanzo Color Nostalgia, la storia che descrivo parte dall’amore ritrovato per se stessi fino ad arrivare a quello famigliare, per i figli e per il coniuge che da troppi anni vede la moglie come parte scontata di sé, e poi, ecco fare capolino, come a volte accade, il modo occidentale più immediato per ritrovare vigore e colore: l’altro, che sbuca chissà come e chissà da dove, per permettere a Valeria di riprovare le belle sensazioni perse e dimenticate, tipiche degli innamorati.

In Le cose di Lia, è narrata la vicenda di un amore assoluto, una devozione totale da parte di una donna che dedicherà l’intera vita ad un uomo. In questo romanzo ho cercato di andare a toccare i fili dell’inconscio del lettore, in modo da coinvolgere direttamente l’emozione eludendo la razionalità, come fa la musica… Lia è una persona speciale, la sua storia si dipana tra il rapporto della protagonista con i fratelli, la sua stirpe e gli amici… ed è proprio l’amicizia che considera come il più grande degli amori.

Ho avuto personalmente la grande fortuna di essere molto amata nella mia vita e posso raccontare la mia esperienza. L’amore, a parer mio è un percorso, una certezza, è l’innamoramento divenuto adulto.
Nei miei romanzi vince sempre e in ogni caso, perché ritengo che sia così anche nella realtà. L’amore vince. Ma come fare a farlo vincere se siamo così fragili e vulnerabili, da non saper neppure farlo diventare adulto?

La forza dell’amore sta tutta nella sua maturità, durante il percorso di crescita è un bimbo, così tenero e impaurito… e poi eccolo diventare un bel giovanotto pieno di sé, ma poi il più delle volte e nella maggior parte delle persone muore giovane.

L’adultità dell’amore è da ricercare solo dentro noi stessi, è quel trasporto che ci fa desiderare il benessere dell’altro, la sua felicità, indipendentemente da come sia andata tra noi. L’amore adulto è esserci in piena consapevolezza… E’ abbastanza difficile dare una connotazione ai sentimenti, ma non saperli descrivere non vuol dire non provarli… Credo che l’amore sia rinuncia e sofferenza ma anche gioia infinita. E’ nutrimento, movimento, respiro e infine pace assoluta.

Una delle differenze tra innamoramento e amore è che il primo richiede l’ennesima potenza, il secondo no. Amare è sapere dove si vuole tornare, essere innamorati è essere convinti di saperlo. Essere innamorati è la cosa più divertente del mondo…

Il mio è un discorso generico, vero è che ognuno deve fare i conti con la propria personalità, e la propria storia personale..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Lascia un commento con Facebook

Torna su