La medicina non convenzionale moderna

 

Conferenza di Ileana Rotella (associazione www.ilgiardinodanzante.it) dedicata al tema “dalla medicina antica alla medicina non convenzionale moderna” (Milano, gennaio 2014)

Quali sono gli strumenti più efficaci e veloci per portare le persone in uno stato di benessere e salute?

Se abbiamo qualcosa che non va, è la nostra vita e il nostro corpo a essere in gioco. Siamo noi che dobbiamo prendere in mano il nostro percorso.

La medicina non convenzionale non è una scoperta recente, ma ha radici in antiche medicine come quella indiana (ayurveda), cinese, ecc.

Ciò che accomuna tutte le medicine non convenzionali (dall’ayurveda ai fiori di Bach) è il principio che la malattia non esiste: esse considerano la persona in modo olistico, nella sua totalità.

Bisogna conoscere chi è la persona: di fronte a una stessa malattia, non tutti si comportano allo stesso modo.

Ogni uomo è un microcosmo con una serie di problematiche o sintomi che possono essere a un diverso livello di coscienza. Si considera la persona non solo a livello di sintomo fisico, ma in modo globale, considerandola nei suoi tre livelli di coscienza: fisico, emozionale, mentale.

La guarigione arriva dall’interno verso l’esterno.

Il sintomo non è qualcosa da estirpare il prima possibile, come se fosse la malattia in se stesso. Il sintomo non è un nemico, ma va ascoltato; diversamente, diverrà più profondo.

La medicina non convenzionale funziona, a non funzionare spesso sono invece i terapeuti.

L’approccio della medicina allopatica è di cercare la molecola che distrugge quella data problematica. In medicina omeopatica e naturopatica si cerca il rimedio che riallinea il sistema, ed è necessariamente una terapia individualizzata.

Perché la persona si è ammalata? Cosa sta esprimendo il suo inconscio, il suo io spirituale non conscio?

Tutti noi siamo nati con una missione da compiere. Che significa mettere i nostri talenti al servizio della vita.

La terapia affinché funzioni deve dare quella frequenza che risuona con la persona. Nessun terapeuta può portare nessuno dove lui non è.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Lascia un commento con Facebook

Torna su