fbpx

Meditazione sui Colori

 

Cesare Peri ci parla dei contenuti del suo libro Meditazione sui Colori (Anima Edizioni)

Libro-Colori-Peri

 

I colori sono decodificati dal nostro cervello, il che significa che in pratica li creiamo al nostro interno.

I colori costituiscono il linguaggio emozionale dell’inconscio. Essi possono incidere su di noi e produrre degli effetti sulla nostra salute.

Nel nostro inconscio i colori si associano non solo a stati d’animo ma anche a dimensioni di coscienza.

La meditazione cromatica ci fa vivere i colori attraverso degli esercizi mediante visualizzazione, respirazione, movimenti dolci.

Il prana può essere guidato dal pensiero all’interno del corpo. Visualizzando e respirando il colore, si può fare esperienza del movimento delle energie.

Rosso, giallo e blu sono colori primari, non conseguenti al mescolamento di altri colori. Corrispondono anche alle tre componenti principali dell’essere umano. I colori che ne derivano, verde, arancio e viola, sono i secondari.

Colori complementari sono quelli che messi vicini si rafforzano e evidenziano l’un l’altro.

Sappiamo che ogni chakra è associato a un colore, e allo stesso modo ha un rapporto privilegiato con altri chakra in base alla complementarietà del colore associato.

Sotto il rosso ci sono gli infrarossi che non vediamo. Il rosso è il primo colore della manifestazione. Colore del sangue. primo chakra. Materia.

Giallo, terzo chakra. Colore dell’intelletto. Luce del sole. Parte sinistra del cervello. È la dimensione dell’io, della personalità. La mente.

Il blu, quinto chakra. Colore del cielo e dell’oceano. Colore dello spirito.

Ecco dunque corpo, mente e spirito rappresentati dai colori primari rosso, giallo e blu.

Per i colori secondari abbiamo:

Istinto-rosso e mente-giallo producono l’unione dell’io con gli istinti, ossia eros-arancio: attrazione, innamoramento, relazione con l’altro.

Mente-giallo con spirito-blu produce il verde: colore associato al chakra del cuore. Il verde è il passaggio tra una dimensione pensante e una spirituale.

Istinti-rosso e blu-spirito producono il viola: il colore della trascendenza.

Per i complementari:

Il rosso è complementare al verde. In effetti, si può avere un amore senza un corpo? O un amore senza il cuore?

Eros-arancio e spirito-blu sono complementari: in effetti eros non è contrapposto alla dimensione spirituale, ma l’energia vitale si sublima nello spirito.

Giallo-mente-io e viola-trascendenza sono complementari: l’io non può esistere senza l’assoluto.

Infine, il sesto chakra è associato al colore indaco, ottenibile dal blu e dal viola. Ricorda il colore della “notte oscura”. Significa che per arrivare all’Assoluto devo fare un ulteriore salto di qualità, dove devo “sciogliere” la mia struttura dell’io, la “fede cieca”.

 

 .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Lascia un commento con Facebook

Torna su