fbpx

5. Il corpo come alleato nell’affrontare il trauma

 

Affrontiamo insieme alla dott.ssa Erica F. Poli questo periodo di emergenza durante il Coronavirus. Tra i videocorsi della dott.ssa Poli, oggi ti segnaliamo “Resilienza e riconnessione – Sopravvivere o esistere“.

 

Questo è il video numero 5 di una serie di 14, dedicata al tema “Ben-Essere nell’emergenza”.

Vai al video 6

Ricomincia dal video 1

 

Il corpo è il più colpito dal trauma e allo stesso tempo l’alleato più potente.

Il trauma è legato a come una persona si percepisce, e ciò dipende da come ella si sente piuttosto che da cosa pensa.

Una lettura consigliata è “Somatic experiencing” di Peter Levin.

Per Levin il trauma non risiede nell’evento esterno inducente il dolore fisico o emotivo, e neppure nel dolore stesso; il trauma si genera quando non siamo in grado di liberare le energie bloccate e di attraversare una dopo l’altra tutte le reazioni fisiche ed emotive conseguenti all’esperienza. Il trauma non è quello che ci accade, ma è quello che tratteniamo dentro, in assenza di un testimone empatico.

La risposta corporea dovrebbe poter essere rilasciata, come accade nell’animale: esso scappa di fronte a un predatore oppure finge di essere morto e si immobilizza, ma poi appena possibile si scrolla e ripristina la propria fisiologia.

Nel nostro caso, noi ci troviamo ancora nel pieno dell’emergenza e il nostro corpo cotinua a non poter scaricare l’energia.

In questo senso sono importanti tutte le attività che permettono di scaricare il corpo. Per esempio della ginnastica, un ballo in casa, un massaggio, o lasciare che i movimenti spontanei del corpo accadano.

Un’altra tecnica è quella del pendolare o dondolare: quando pendoli, e ti permetti nel contempo di far fluire l’emozione, stai dando al corpo il messaggio che le cose cambieranno.

Altro accorgimento: utilizzare i movimenti di piccole articolazioni come polsi, caviglie, ma anche testa e occhi.

In questo modo evitiamo di cadere nella paralisi e nel congelamento, che a loro volta aumentano la paura instaurando un circolo vizioso.

L’importante è permettere al corpo di scaricare energia e restare nell’accoglimento delle emozioni che arrivano.

 

Vuoi ricevere le novità di Anima.TV? Iscriviti alla newsletter qui: https://anima.tv/form-iscrizione-newsletter/

Vuoi aiutarci a darti di più? Scopri come sostenere il nostro progetto: https://anima.tv/come-sostenere-anima-tv/

Consulta il nostro Calendario Eventi qui: https://anima.tv/eventi/

Attenzione, per i commenti rispettare la Netiquette: https://anima.tv/netiquette/

Vieni a trovarci! Visita la nostra homepage: https://anima.tv/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Lascia un commento con Facebook

Torna su