fbpx

La tua diversità è un punto di forza

Lascia che la realtà esterna perda la sua nitidezza e concentrati sul tuo sbocciare, dai vita al tuo potere realizzativo e rivela la forza interiore del tuo cuore aperto… Articolo di Simonetta Zoppo

 

La tua diversità è un punto di forza. Gridala a gran voce, falla sentire sulla pelle degli altri, lascia che la sfiorino, la saggino, ne facciano esperienza, sia che la scaraventino dalla parte opposta della via o che la accolgano come il dono di un linguaggio nuovo, che impreziosisce il loro essere.

Sappi tenere fede al tuo seme, poiché è la tua essenza che spinge alla sua espressione. Nell’universo non c’è nulla che sia uguale ad altra cosa, poiché siamo parte di un movimento creativo eterno e unico, che mai si ripete. Una coralità, che per essere tale, deve integrare le diverse voci; suoni che hanno un potere di realtà solida, idee incarnate della Coscienza Superiore.

Rivolgi il tuo sguardo verso i tuoi luoghi interiori, giungi a te stessa/o e non sostare nello spazio altrui. Esci dalla via consueta, allontanati da chi ti vuole conforme, adattata/o, piegata/o al pensiero pensato e vittima dell’intento comune.

La tua unicità è un valore per il mondo, sei una sfumatura di colore da proteggere, una ricchezza di contenuti ed esperienze da accogliere e l’alveo nel quale l’altro può imparare e crescere. Non importa in quale modo, se per attrito o risonanza, la tua energia, comunque, viaggia, incontra, muove e smuove, attrae e respinge. Cosa? I piccoli regni umani circondati da alte mura e fossi, dove è difficile penetrare e portare il fuoco della differenza.

Ma tu non retrocedere e, con grazia di comportamento, sii quello che sei, semplicemente. Lascia che sia il potere della tua essenza a presentarti, e li commuova, li stupisca, se sono sufficientemente aperti, oppure li faccia saltare dalle loro sedie, se toccati nel profondo da ciò che esprimi.

Tu sei un pensiero originale, che nasce dal campo illimitato dell’Essere, intuito, esplorato, vissuto. Un miracolo della natura, che si rinnova lasciando sorgere nuove parti di sé e un nuovo modo di intendere il mondo.

Lascia che la realtà esterna perda la sua nitidezza e concentrati sul tuo sbocciare, dai vita al tuo potere realizzativo e rivela la forza interiore del tuo cuore aperto. Resta nella tua spaziosa e indipendente solitudine, nei tempi vivi dei tuoi ritmi, in quel campo da cui zampilla sempre nuova coscienza, ininterrottamente, e modifica prospettive ristrette, le tue, quando non sei il tuo punto di riferimento, ma lasci agli altri il diritto di sollevare i loro interrogativi e di porre fine al tuo splendore.

La tua vera diversità non consiste solo nel seme che germoglierà come sacra espressione della tua unicità, ma nella capace mutevolezza del tuo essere, e libera rivoluzione interiore. Nel suo sovvertire le vecchie strutture ti rinnovi e acquisti profondità e autenticità. Ti avvicini sempre di più alla tua vera modalità espressiva e ti allontani dalla stretta morsa delle verità parziali, che non raccontano chi sei, ma descrivono le altrui esperienze, totalitarie, assolute, definitive.

La meraviglia del tuo lasciarti accadere muove i tuoi passi verso il futuro e risale la Sorgente per incontrare la tua visione e farne esperienza spirituale e istante magico della tua creazione. Sostieni la tua grande opera, concepisci il tuo tratto distintivo come la preziosità che in te dimora. Spingi con forza tutto il tuo essere alla sua realizzazione e dimentica te stessa/o a ogni passo compiuto per farti sempre nuova/o.

Danza la tua vita come se non ci fosse nessuno, fanne la tua preghiera e il tuo rito sacro. E rilassati in quell’eterno divenire senza i plausi di chi approva e gli sguardi di chi avversa. Sii nella tua totale presenza nell’azione e immersa/o nel silenzio consapevole senza scelta. Sii naturalmente semplice e attendi con fiducia lo sgorgare della tua vera natura. Non cercare di dimostrare chi sei, ma sii la tua pienezza, senza sforzo alcuno. Lascia respirare il tuo vero volto e privalo delle maschere che lo vorrebbero più simile al mondo.

Non accettare nessuna conclusione di te stessa/o perché tu possa stupirti nello scoprire che non c’è limite espressivo alla tua bellezza.

Simonetta Zoppo

Autrice del libro La via Cristallina (Anima Edizioni)

 

Vuoi ricevere le novità di Anima.TV? Iscriviti alla newsletter qui: https://anima.tv/form-iscrizione-newsletter/

Vuoi aiutarci a darti di più? Scopri come sostenere il nostro progetto: https://anima.tv/come-sostenere-anima-tv/

Consulta il nostro Calendario Eventi qui: https://anima.tv/eventi/

Attenzione, per i commenti rispettare la Netiquette: https://anima.tv/netiquette/

Vieni a trovarci! Visita la nostra homepage: https://anima.tv/

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Lascia un commento con Facebook

Torna su