fbpx

Le emozioni che curano – Parte 3

 

Erica F. Poli presenta il libro Le emozioni che curano (video 3 di 4). La dott.ssa Poli approfondirà gli argomenti della medicina delle emozioni nell’omonimo seminario “Le emozioni che curano” a Milano sabato 1° febbraio 2020. Info a questo link.

 

Il corpo “pensa”, ha una grande memoria e prima o poi presenta il conto.

Le strade del trauma sono quelle del “perdere corpo”. Il trauma disconnette la mente dal corpo e il corpo dalle radici.

Se perdi corpo perdi una parte di te che ti serve per stare nella vita.

Quando si vive un trauma che non ha trovato espressione, è come avere una zampa rimasta nella tagliola, che continua a sanguinare.

La teoria polivagale spiega come mai alcune persone vivono con una inerzia maggiore di altre o all’opposto eccessivamente iperattive.

Una data branca del sistema nervoso ci permette la relazione e il rapporto con gli altri. Il bambino matura questa capacità del sistema nervoso intorno ai 18 mesi di vita e non prima. Ciò che accade prima dei 18 mesi deve perciò essere regolato da chi gli sta accanto.

L’ansia è un messaggero, non un semplice disturbo che va tolto.

Le vie di scarico dell’ansia possono essere diverse, si manifestano in diverse parti del corpo o sistemi a seconda della storia della persona e delle sue caratteristiche.

Il dolore non può essere tolto dalla vita, ma possiamo diminuire la sofferenza. La sofferenza è spesso figlia delle difese che alziamo per evitare l’incontro con il dolore.

Il dolore è il grande trasformatore che va incontrato.

Vuoi ricevere le novità di Anima.TV? Iscriviti alla newsletter qui: https://anima.tv/form-iscrizione-newsletter/
Vuoi aiutarci a darti di più? Scopri come sostenere il nostro progetto: https://anima.tv/come-sostenere-anima-tv/
Consulta il nostro Calendario Eventi qui: https://anima.tv/eventi/
Attenzione, per i commenti rispettare la Netiquette: https://anima.tv/netiquette/
Vieni a trovarci! Visita la nostra homepage: https://anima.tv/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Lascia un commento con Facebook

Torna su