Promo: Riflessioni su una medicina illuminata

 

Stefano Manera presenta il videocorso “Riflessioni su una medicina illuminata”, disponibile vai web a questo link.

 

Discuteremo insieme su quella che tutti noi desideriamo essere la medicina del futuro. Rifletteremo su quale medicina realmente desideriamo per noi e per i nostri figli, una medicina che significa fare ritorno a un linguaggio per l’uomo – a un linguaggio dell’uomo -, una medicina che si occupi dell’uomo nella sua totalità, nella sua interezza.

La medicina che tutti noi desideriamo deve pertanto ritornare a parlare il linguaggio dell’uomo, deve ritornare a essere una medicina vitalista. Questo tipo di medicina deve comprendere che curare non significa semplicemente sopprimere o eliminare i sintomi, ma significa includere, ascoltare e narrare. Questo significa andare nella profondità della persona, nella profondità dell’individuo, alla ricerca delle cause, che sempre più spesso sono molto lontane dal sito di emergenza del sintomo.

Dobbiamo anche comprendere che la maggior parte delle nostre patologie si genera da profondi conflitti, che sono insiti nei meandri della mente umana e spesso insiti anche nello spirito umano. Sarà un viaggio affascinante in cui scopriremo, rifletteremo e mediteremo sul perché sempre più spesso oggi sia così difficile affrontare la malattia e la morte, e sia così difficile tornare a parlare il linguaggio dell’uomo… nella sua interezza e nella sua complessità.

 

Vuoi ricevere le novità di Anima.TV? Iscriviti alla newsletter qui: https://anima.tv/form-iscrizione-newsletter/

Vuoi aiutarci a darti di più? Scopri come sostenere il nostro progetto: https://anima.tv/come-sostenere-anima-tv/

Consulta il nostro Calendario Eventi qui: https://anima.tv/eventi/

Attenzione, per i commenti rispettare la Netiquette: https://anima.tv/netiquette-anima-tv/

Vieni a trovarci! Visita la nostra homepage: https://anima.tv/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Lascia un commento con Facebook

Torna su