Gli Angeli della Trasparenza

Questa è la nuova epoca dell’Arcangelo Michele e dell’Arcangelo Metatron, capofila degli Angeli della Trasparenza che hanno la missione di trasformare la Terra nella Casa della Luce, portandoci per mano oltre le crisi e le paure.

Gli Angeli della Trasparenza sono “angeli bambini” che aprono il cuore delle persone all’amore incondizionato e alla purezza cristallina della natura e della semplicità, affidando ai loro canali sulla Terra meditazioni e pratiche spirituali che ci permettono di riconoscerci nell’energia universale, attraverso la guarigione del nostro “bambino interiore”.

Gaetano Vivo

Gaetano Vivo

10. IL BAMBINO INTERIORE

Invochiamo la presenza dell’arcangelo Raffaele vicino a noi. Ascoltiamo e osserviamolo mentre appoggia le sue mani sulle nostre spalle. Raffaele arriva in una fortissima luce verde smeraldo, come dovrebbe essere il nostro chakra del cuore. Egli ci aiuta a guarire il nostro bambino interiore.

10_bimboOsserviamo questa luce verde forte illuminare il nostro cuore. Nei meandri del nostro cuore, nella profondità più assoluta, vive il nostro bambino o la nostra bambina interiore. Un piccolo esserino che porta il nostro stesso nome.

Proviamo a chiamarlo, osserviamo la sua reazione. Ci siamo completamente dimenticati di lui mentre la nostra vita scorreva. All’inizio il bambino potrebbe sembrare distante… ma è così solo perché è un po’ arrabbiato. Provate a sussurrare il suo nome, ancora una volta, e rimanete lì in silenzio e in ascolto. Vedrete che preso dal grandissimo amore che egli stesso ha per voi, comincerà a ritornare alla vita e a sentire di nuovo il calore del vostro cuore, verso di lui.

Provate a parlargli e a raccontargli della vostra vita; provate a spiegargli perché in così tanto tempo l’avete abbandonato, rifiutato, e lasciata andare… Chiedetegli perdono, e promettetegli che da oggi in poi avrete con lui/lei un costante dialogo fatto di amore, fiducia e rispetto…

14/06/10

Commenta l'articolo tramite e-mail

Messaggio (max 2000 caratteri)Tutti i campi sono obbligatori. L'e-mail non sarà pubblicata

Commenta l'articolo tramite Facebook