fbpx

Il crudo di febbraio: Cous cous crudista ai colori d’inverno

Ricette vegan-crudiste a cura di Francesca Piu. Per il mese di febbraio, Francesca ci propone un delizioso “cous cous crudista ai colori d’inverno”

 

Crudo & inverno, mission impossible?

Si pensa che in inverno sia quasi impossibile alimentarsi in maniera crudista, perché si associa questa alimentazione con il mangiare “freddo”.

In realtà, nutrirsi a temperatura ambiente (tenendo in casa e fuori frigo la propria frutta e verdura che si vuole consumare in tempi brevi), oltre che piacevole, è molto salutare, e le proprietà dei cibi rimangono inalterate. Nel crudismo inoltre è permesso un margine di “riscaldamento” sino ai 42 gradi, temperatura oltre la quale si cominciano a perdere i nutrienti, vitamine, sali minerali. Possiamo quindi riscaldare con un essiccatore, o semplicemente usare il termosifone, o un forno ventilato alla minima potenza con uno spiraglio aperto!

Inoltre, le spezie donano un bell’effetto riscaldante al nostro corpo. Seguendo la stagionalità degli orti e dei frutteti, la natura ci dona anche in questo mese un’esplosione cromatica e di sapori… e la prova è la ricetta di questo mese! Semplice quanto gustosa, e un carnevale di colori!

Cous cous crudista ai colori d’inverno

Ingredienti (per due persone):

– 1 cavolfiore di grandi dimensioni

– 1 broccolo

– 1\2 cavolo viola (o cappuccio)

– 1\4 di porro

– 1 manciata di uvetta sultanina al naturale, reidratata per un’ora in acqua

– 1 carota

– 1 testa di insalata a foglia larga a scelta per creare un involtino (facoltativo).

– curcuma, curry, noce moscata (facoltativo)

– limone e aceto di mele per la marinatura (oppure sale marino integrale e olio evo qb)

 

Procedimento:

Tagliare a pezzettini molto piccoli il cavolfiore e il broccolo, evitando i gambi.

Aggiungere il porro e il cavolo viola tagliati a fettine molto sottili, tagliare alla julienne la carota, e marinare il tutto con il metodo che si preferisce. Personalmente opto per usare il limone e l’aceto di mele, ma va altrettanto bene sale e un filo d’olio.

Iniziare a massaggiare cavolfiore e broccolo nella soluzione di marinatura, “strizzando” bene… tra l’altro è una pratica molto rilassante!

Continuare fino a che i vegetali perdono la loro acqua, ottenendo un “cous cous” morbido al tatto.

Crudo-febbraio-compLasciare in pausa le verdure marinate, e “spaghettare” la carota a striscioline con un pelapatate, tenendole da parte.

Infine, risciacquare dentro un colapasta a buchi stretti tutta la verdura, fino a eliminare tutto il liquido di marinatura, e scolare.

Versare il tutto in una ciotola capiente, e aggiungere l’uvetta reidratata.

Condire con una spruzzata di limone (oppure, se si preferisce, si può speziare con curry, curcuma e noce moscata).

Si può mangiare a forchettate, a “bacchettate”, oppure mettendo una generosa cucchiaiata di cous cous su una foglia di insalata ampia, avvolgendolo come fosse un “tacos”.

 

Possiamo far precedere il pasto da un delizioso succo verde (o smoothie) composto da cavolo nero, spinaci, mela e limone… una bomba di antiossidanti, minerali, calcio e ferro!

Buon febbraio a tutti, Namastè!

Francesca

 .

1 commento su “Il crudo di febbraio: Cous cous crudista ai colori d’inverno”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Lascia un commento con Facebook

Torna su