Spazio Nero-Avorio

C’è un universo nascosto nei contrari e negli opposti; esso si svela nel moto dell’accorgersi e diventa tutto d’un tratto meraviglia.
Ci siamo persi nel semplicistico e nelle parole usate a caso, ci siamo immersi in programmi assurdi che non ci attrezzano al nuovo e al miracolo. Ci siamo confusi e dispersi nelle trame delle parole.
Se è vero il vero, lo è anche il suo contrario… Monia nel meraviglioso mondo delle contraddizioni.

Monia Zanon

Monia Zanon

35. IL PROBLEMA NON E’ IL PROBLEMA…

Il problema non è il problema, ma come noi percepiamo il problema stesso.

Qualche volta sentiamo che la nostra vita è priva di gioia. Si tende in questi stadi a pensare in negativo e vediamo solo ciò che non va. In realtà, esaminando più attentamente dall’alto, sollevandoci dal singolo evento, potremmo rimanere colpiti, in senso buono, dal fatto che molti aspetti della nostra vita vanno abbastanza bene. Ci accorgiamo quindi che si tratta di una contaminazione di un’area ristretta, che a effetto di macchia d’olio sporca il resto con la sua ombra nefasta.

In realtà quest’area può essere senz’altro migliorata, cambiando il nostromodo di vedere. La nostra natura ci spinge a ricercare motivi per cui accadono le cose, ma spesso si tende a vedere poco di ciò che realmente c’è, accorgiamoci!

Il modo con cui noi immaginiamo o percepiamo i nostri blocchi, ci offre un indizio per scovare la soluzione.

Ascolta, viandante. Proviamo a usare le parole, rilassati e fatti accompagnare da me per qualche frammento di vissuto…

Abbiamo un blocco?

Proviamo a scrivere cosa ci sembra questo problema, estrapoliamo qualche parola che ci viene in mente, pensandoci.

… Proviamo a percepirlo emotivamente.

… Proviamo a percepirlo fisicamente: dove, in quale parte del corpo lo sento agire?

… Osserviamo questo blocco: che aspetto ha?

… Ascoltiamolo.

… Perché esiste? Cos’ha da dirmi? Ha un messaggio, un dono da darmi?

… Che soluzione creativa propone questo blocco?

Ci potremmo stupire del risultato!

15/02/11
35. IL PROBLEMA NON E' IL PROBLEMA...

Commenta l'articolo tramite e-mail

Messaggio (max 2000 caratteri)Tutti i campi sono obbligatori. L'e-mail non sarà pubblicata

Commenta l'articolo tramite Facebook