Spazio Nero-Avorio

C’è un universo nascosto nei contrari e negli opposti; esso si svela nel moto dell’accorgersi e diventa tutto d’un tratto meraviglia.
Ci siamo persi nel semplicistico e nelle parole usate a caso, ci siamo immersi in programmi assurdi che non ci attrezzano al nuovo e al miracolo. Ci siamo confusi e dispersi nelle trame delle parole.
Se è vero il vero, lo è anche il suo contrario… Monia nel meraviglioso mondo delle contraddizioni.

Monia Zanon

Monia Zanon

54. IL POTERE TRASMUTANTE DELLE RELIQUIE

A cosa servono le reliquie? Per quale motivo conserviamo i corpi dei santi? Hanno davvero un effetto su di noi e se sì, quale?

Caro viandante, questa settimana vorrei parlarti di un argomento un po’ particolare, tratto da una conferenza che ho tenuto a Bologna il 16 maggio 2011, presso l’Associazione Aestene, che saluto e ringrazio.

Per molto tempo mi sono chiesta a cosa servisse mutilare i corpi dei santi per mummificarli e farli oggetto di adorazione. Trovavo quest’usanza alquanto macabra e rallentante per l’anima.

Avevo, infatti, sentito dire che se il corpo non si è ancora decomposto, l’anima tende a girare in torno agli ambienti in cui è vissuta. Per questo motivo in India, per velocizzare il trapasso, le persone sono cremate. Molto diverso quello che invece accade nei nostri territori, in cui le bare sigillanti mantengono i corpi, per decine e decine d’anni, integri e intonsi. Trovavo quindi molto ingiusto tutto ciò, oltre che orrido.

Poi ho scoperto qualcosa di davvero interessante che mi ha cambiato gran parte degli orizzonti rivolti a questo tipo di argomentazione.

Si tratta in realtà di un enorme atto d’amore da parte del santo: il suo Sé, infatti, decide di sacrificarsi e di mantenere il corpo nel tempo, per far sì che le vibrazioni energetiche del sant’uomo e di tutto ciò di cui egli si è accorto, rimangano integre. Questo dono, questo atto, non solo innalza l’energia del luogo, ma produce a chi ne entra in contatto con coscienza, una grande trasmutazione interiore.

Ecco che il vero significato della parola “sacrificio” e cioè “rendere sacro”, viene a prendere a pieno la sua valenza e il suo valore più alto: innalzare!

In questo video spiego cos’è il Wesak e come si calcola, lo metto in relazione alla Pasqua e spiego nel dettaglio quanto ho appreso nel mio accorgermi del momento.

Che buon pro ti faccia, caro viandante, per innalzarti sempre più in alto!

Un sorriso

4/07/11
54. IL POTERE TRASMUTANTE DELLE RELIQUIE

Commenta l'articolo tramite e-mail

Messaggio (max 2000 caratteri)Tutti i campi sono obbligatori. L'e-mail non sarà pubblicata

Commenta l'articolo tramite Facebook