Spazio Nero-Avorio

C’è un universo nascosto nei contrari e negli opposti; esso si svela nel moto dell’accorgersi e diventa tutto d’un tratto meraviglia.
Ci siamo persi nel semplicistico e nelle parole usate a caso, ci siamo immersi in programmi assurdi che non ci attrezzano al nuovo e al miracolo. Ci siamo confusi e dispersi nelle trame delle parole.
Se è vero il vero, lo è anche il suo contrario… Monia nel meraviglioso mondo delle contraddizioni.

Monia Zanon

Monia Zanon

76. VIVI ORA!

Caro viandante, questa settimana vorrei parlarti di un grande paradosso: fuggire dall’adesso. Spesso infatti ci accade di farlo, soprattutto per dolore, utilizzando qualsiasi mezzo/maniglia che finisce per diventare una dipendenza o un imbroglio.

76mzPraticare questo slittamento in avanti o indietro significa effettuare un enorme spreco del momento che non viene vissuto: l’ora!

Le esperienze dalle quali cerchiamo di fuggire non potranno essere dribblate continuamente. A un certo punto sarà necessario guardarle in faccia. In fondo un problema posticipato non è un problema risolto, anzi, nella maggioranza dei casi tale comportamento finisce per contaminare anche quanto di più buono c’è in noi :(

Vivere l’ora non significa non osservare ciò che è stato. Anzi! Ciò che abbiamo vissuto ci è utile, ma non necessario per fare nuove scelte. Le esperienze del passato davvero utili sono quelle vissute completamente, pienamente. Inoltre, vivere il momento presente non ci vieterà di pensare al nostro futuro, a ciò che vorremmo, ma soprattutto a ciò che non vorremmo più!

Il segreto potrebbe essere quello di imparare a investire su obbiettivi; questo può sostituire le maniglie e gli ancoraggi del passato in modo sano.
Mettersi davanti, nel presente più vicino a noi, un progetto, uno scopo, ci darà forza, proprio come se dovessimo raggiungere un picco di alta montagna.
Guardando in su il cammino potrebbe risultare scoraggiante, se invece guardassimo indietro, in basso, potrebbe girarci la testa. Ma se osservassimo un albero, una roccia poco più avanti, e la prendessimo come un riferimento prossimo, allora potremmo goderci il paesaggio mentre saliamo e lasciarci alle spalle ciò che già è stato visto.

Viva l’ora, allora!
Nella ricerca di buoni obbiettivi ti auguro un buon viaggio!

6/02/12

Commenta l'articolo tramite e-mail

Messaggio (max 2000 caratteri)Tutti i campi sono obbligatori. L'e-mail non sarà pubblicata

Commenta l'articolo tramite Facebook