Spazio Nero-Avorio

C’è un universo nascosto nei contrari e negli opposti; esso si svela nel moto dell’accorgersi e diventa tutto d’un tratto meraviglia.
Ci siamo persi nel semplicistico e nelle parole usate a caso, ci siamo immersi in programmi assurdi che non ci attrezzano al nuovo e al miracolo. Ci siamo confusi e dispersi nelle trame delle parole.
Se è vero il vero, lo è anche il suo contrario… Monia nel meraviglioso mondo delle contraddizioni.

Monia Zanon

Monia Zanon

131. CHI HA IL TUO TEMPO TI POSSIEDE

Eccoci, caro viandante, ritornati ai ritmi settembrini.

Siamo tornati dalle vacanze e, per alcuni di noi, sono già un ricordo. Eppure ci eravamo lasciati poco tempo fa augurandoci di vivere in vacanza tutta la vita, vero? Risulta difficile metterla sul piano pratico, e non solo per “colpa” nostra, caro lettore e cara lettrice, ma soprattutto per via del sistema in cui siamo inglobati.

La qualità della nostra vita dovrebbe essere al primo posto tra le priorità quotidiane. Accorgersi che si sta vivendo una “vita” diventa, con questo tipo di economia basata sul consumo, un film impossibile, una banalità alla quale, per eccesso di assurdità, non si offre neppure attenzione.

Il sistema in cui stiamo vivendo, o meglio dire sopravvivendo, ci costringe a lavorare a orari impossibili, facendoci credere che è pure un lusso avere oggi un lavoro! Teniamo dei ritmi impossibili per poter avere uno stipendio che ci permetta di acquistare beni e in questo modo, sia chi produce, sia chi consuma, si ritrova in una ruota da criceto che non fa arrivare mai da nessuna parte ma richiede invece un gran scompenso energetico. Un sistema che ci depriva del tempo per vivere, facendoci prendere distanza dai veri valori, camuffati da cose di cui ci si occuperà quando “si avrà tempo”.

In questo modo, storditi e stanchi, ci alziamo pronti a foraggiare, ogni mattina, questa macchina malata, che arricchisce quei pochi i quali forse, a ben vedere, non son felici neppure loro!

Eppure ci deve essere un modo, un sistema diverso, che ci permetta di vivere meglio e di usare il lavoro come contributo, come scambio, e non come ergastolo a vita …

Ho sentito parlare di paesi in cui le persone ogni tre giorni di lavoro hanno diritto a uno di riposo! Che spettacolo! E se ci fosse la possibilità di lavorare tutti mezza giornata, con un corrispettivo economico che permetta di vivere, muovendo a rotazione i pomeriggi e alternando le persone con i turni del mattino? In questo modo non si creerebbe ancor più lavoro? E quanto più tempo da dedicare alla vita! Forse il lavoro allora sarebbe un piacere per più persone …

Qualcuno potrebbe vedere questo mio modo di pensare alquanto utopistico e forse non è nemmeno così facile trovare un sistema che permetta a tutti di lavorare mezza giornata ma, a ben pensarci, potrebbe essere meno astruso di altri fatti come lavorare dodici ore al giorno, essere costretti ad ammalarsi per avere del riposo, lavorare un giorno intero per fare una spesa minima al supermercato, fare tre lavori per trovarsi a fine mese a non arrivare a uno stipendio complessivo ragionevole ecc.

Questa società non è basata sul valore del tempo ma, nonostante ciò, ci chiede pesantemente di avere il nostro tempo! Tempo che poteva essere fatto di sorrisi di figli, composto di frasi non dette, sonni dormiti, cibo gustato, carezze date, corse e camminate nel verde… Tempo per ciò che ci sta a cuore, sempre che ancora ci ricordiamo cosa o chi ci sta a cuore!

Depauperandoci del tempo, questa società ci ha invece spinto a costruire cose inutili, finte, che rasentano l’assurdo, come la grande maggioranza delle nostre relazioni umane. Perché ci vuole tempo anche per coltivare l’amore, l’amicizia… la sorellanza, la fratellanza…

Usiamo il nostro tempo, invece, per guadagnare di più, spinti da un sistema che ci costringe a consumare e acquistare, mai contenti, mai felici, mai soddisfatti!

Alziamo la testa e riprendiamoci il nostro tempo, che è vita, ed è questo il grande diritto! Il sistema ci ha portato a confonderci, a desiderare ciò che a comando viene richiesto di volere, ma in tutto ciò che compriamo non ci sono né abbracci, né affetti, né armonia, né pace… Accorgiamoci!

Chi ha il tuo tempo ti possiede: scegli a chi dare il tuo tempo!

 

Credits Img

 

16/09/13
160913Amz

Commenta l'articolo tramite e-mail

Messaggio (max 2000 caratteri)Tutti i campi sono obbligatori. L'e-mail non sarà pubblicata

Commenta l'articolo tramite Facebook